Bernini (Fi): ora si pronunci il Parlamento su fine vita

Pol/Arc

Roma, 25 set. (askanews) - "La pronuncia della Consulta, che apre al suicidio assistito, oltre a interrogare le coscienze di tutti, inchioda il legislatore alle sue responsabilità e alle sue manchevolezze, soprattutto per l'incapacità dimostrata nel tempo disponibile di trovare un punto d'incontro". Lo dichiara Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia.

"Il lunghissimo dibattito alla Camera, seppure comprensibile, ha drasticamente ridotto i tempi del Senato - prosegue - impedendo gli approfondimenti necessari per una materia così eticamente sensibile. Sui temi del fine vita, si tratti di suicidio assistito o di eutanasia, spetta al Parlamento trovare una soluzione equilibrata, ed è dovere preciso delle forze politiche, anche alla luce della pronuncia di stasera, considerare la questione come assolutamente prioritaria".