Bersani consiglia e ricorda: “Orgoglioso di quello streaming”

Bersani streaming

Pier Luigi Bersani in una lunga intervista al Corriere, si confessa e ricorda la diretta del 2013, quando Crimi e Lombardi lo attaccarono duramente. Successivamente dispensa consigli per la coalizione tra M5s e Pd.

Bersani ricorda lo streaming

Pier Luigi Bersani, a detta sua, non si è mai pentito di quella diretta streaming andata in onda il 27 Marzo 2013. In quell’occasione Bersani fu ampiamente criticato dai pentastellati Vito Crimi e Roberta Lombardi, ma invita a far tesoro di quella lezione per un futuro migliore: “So che sembra strano, ma sono sempre stato orgoglioso di quello streaming, di avere accettato una situazione sgradevole per fissare un’idea. L’idea che la sinistra di governo deve ingaggiarsi con i nuovi movimenti, soprattutto quando sono ancora irrisolti. Perché alla lunga le strade portano o a destra o a sinistra”.

Il fondatore di Articolo 1 prosegue invitando il Pd di Zingaretti, a partire dalle riforme sociali. Secondo Bersani è necessario: “Correggere anche le proprie politiche, non solo quelle di Salvini“. E a proposito di ciò, invita i due partiti, M5s e Pd, a prestare molta attenzione al non fallire in quest’occasione, a meno che non vogliano fare un enorme regalo alla “destra regressiva” di Matteo Salvini.

Se analizziamo i 5 punti espressi da Zingaretti, notiamo che non esistono così tante differenze tra il suo programma e quello espresso nel 2013 da Bersani. Ad eccezione del richiamo all’impegno e all’appartenenza leale all’Unione europea fatta dal segretario del Pd. Inoltre, nell’attuale programma è presente un riconoscimento della democrazia rappresentativa incarnata dai valori della nostra Costituzione.