Bertolaso: "Prima ci chiudiamo in casa tutti e meglio è"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Prima ci chiudiamo in casa tutti e meglio è. Secondo me in un mese di duro sacrificio da parte di tutti riusciamo a fermare questa salita". Così Guido Bertolaso a 'Omnibus' su La7 sull'ipotesi lockdown.

Per l'ex capo della Protezione civile bisogna "resettare tutto il sistema organizzativo del nostro Paese che è saltato". Inoltre, "non abbiamo un sistema di comunicazione e informazione, non abbiamo una rete televisiva che ci spieghi in continuazione come comportarsi con il Covid. Che facciano una fiction per far vedere come ci si comporta in quelle condizioni".

"Tutti i leader si mettano intorno a un tavolo - è la sollecitazione - che lascino da parte gli interessi personali e di partito e dicano chiudiamo per un mese, un patto nazionale, prendiamo i migliori tecnici su piazza e forse così a Natale possiamo passarlo insieme alle nostre famiglie".

Bertolaso rivela che molte regioni lo stanno contattando per nuovi ospedali Covid: "Posso rivelare che andrò in una regione del Centro per un altro ospedale. A Milano e nelle Marche - sottolinea - sono state fatte due astronavi rispetto purtroppo a certi pollai".