Biancavilla, da Comune richiesta acquisizione orto botanico abate Portal

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 1 set. (askanews) - Un museo regionale di botanica a Biancavilla: è finalizzata a raggiungere questo obiettivo la richiesta di apprezzamento dell'Orto Botanico di Biancavilla, fondato nel 1826 dall'Abate Salvatore Portal, botanico e naturalista, con l'auspicio di acquisizione da parte della Regione Siciliana. Con l'approvazione di una delibera, l'amministrazione comunale fa il primo passo per la salvaguardia di un bene cittadino ritenuto di straordinaria importanza: in pieno centro storico, nel cuore della città, in un'ampia area insisteva l'Orto Botanico, attiguo al quale c'è un immobile che costituisce, assieme all'ingresso secondario di Via Orto Botanico, l'ingresso principale allo stesso sito dalla centralissima Via Vittorio Emanuele.

L'Orto Botanico di Biancavilla, è stato fra i primi a sorgere nella Provincia e rappresentava un luogo di sosta per tutti coloro i quali visitavano le zone etnee. La sua rilevanza derivava non soltanto dall'antichità della sua fondazione, postuma a quella di Palermo (1779) e antecedente a quella di Catania (1858), ma anche dalla sua frequentazione da parte di studiosi isolani e più spesso dall'intellighenzia europea. La selezione delle piante e delle erbe operata dal Portal gli valse numerosi riconoscimenti, che gli pervennero da disparate Accademie europee, tra le quali, quella Linneana di Parigi e quella Imperiale di Vienna.

L'abate Salvatore Portal, canonico biancavillese e vicario del vescovo, nacque nel 1789, si laureò in medicina presso l'Università di Catania. Morì di colera nel 1854. Cultore della botanica e delle scienze naturali, era anche un grande appassionato di archeologia e arte. A Biancavilla, presso la sua abitazione, creò un Orto Botanico ricchissimo di piante sia indigene che esotiche. Venne nominato dal Re di Torino, come segno di grande ammirazione alla sua flora, Cavaliere dell'Ordine di San Maurizio e San Lazzaro.

"Il nostro auspicio - spiega il sindaco di Biancavilla Antonio Bonanno - è che la Regione Siciliana acquisisca l'immobile e tutto il patrimonio scientifico in esso conservato per realizzare a Biancavilla un Museo regionale di botanica e procedere alla ricostituzione filologica delle piante ed erbe già scelte dal canonico. E' il modo migliore per conservare e valorizzare un 'tesoro' di grande rilievo scientifico. Sarebbero così acquisiti anche i beni già appartenuti all'Abate, quali l'orto secco (Hortus siccus plantarum sicularum), la collezione archeologica nonché tutti i cimeli e le onorificenze che lo stesso conseguì durante la sua feconda attività scientifica".

Alla Regione Siciliana, assieme alla richiesta di apprezzamento e acquisizione, è stato inviato il faldone donato dagli eredi di Portal al Comune di Biancavilla. Esso contiene copia delle opere e scritti dell'Abate Portal, fotografie dei cimeli (medaglie) nonché studi concernenti la sua figura, tra cui due tesi di Laurea.

(Salvatore Portal in un ritratto di Olvio Sozzi).