Bianchi: obiettivo superare criticità della scuola e dispersione

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 21 lug. (askanews) - "In questi mesi abbiamo investito più di 5 miliardi in preparazione del Pnrr. Dobbiamo stare molto attenti perché dobbiamo pianificare insieme alle regioni. Noi abbiamo un'idea di leale collaborazione istituzionale che certamente non mancherà. Gli obiettivi sono quelli di aiutare una scuola che ha sofferto molto per la pandemia, ma che aveva già gravi criticità da prima". Lo ha detto Patrizio Bianchi, ministro dell'Istruzione, durante l'audizione davanti alla Commissione parlamentare per l'infanzia e l'adolescenza, facendo il punto su quanto fatto dal ministero per fronteggiare la situazione pandemica e post pandemica.

"Certamente tutti hanno sofferto - ha aggiunto il ministro - ma hanno sofferto su problematiche pregresse. Molte zone erano chiaramente svantaggiate fin da prima. Noi abbiamo fatto una scelta: non interventi a pioggia, ma interventi mirati, laddove era già chiaro a marzo che c'erano sofferenze. Il programma ha avuto successo, abbiamo usato tutti i 150 milioni. Ci sono stati proposti molti progetti legati alla socialità".

"Il recupero della dispersione scolastica - ha detto ancora Bianchi - deve essere il nostro obiettivo. Abbiamo individuato i punti di frattura dove si realizza la dispersione esplicita. Ma c'è anche il tema della dispersione implicita, ossia si raggiunge un diploma, ma non si raggiunge un livello di competenze adeguato. Abbiamo sul tavolo delle risposte: la prima è ampliare la nostra offerta, soprattutto di formazione professionale e tecnica. Il secondo elemento è l'aumento dell'accompagnamento per ogni ragazzo. Il terzo punto sono interventi mirati che permettono di agire su tutto il Paese, ma con la priorità su alcune situazioni particolarmente critiche".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli