I bianconeri battono l'Inter allo Stadium e mettono la freccia in classifica

Serie A, Juventus-Inter 2-0: Rabiot e Fagioli rilanciano Allegri
Serie A, Juventus-Inter 2-0: Rabiot e Fagioli rilanciano Allegri

La Juventus non si ferma più e punisce l’Inter allo Stadium. La squadra di Allegri, al quarto successo consecutivo in campionato, vince 2-0 grazie ai gol di Rabiot e Fagioli nel secondo tempo. I nerazzurri sciupano diverse occasioni nel primo tempo e colpiscono una traversa a inizio ripresa, poi la concretezza e il cuore dei bianconeri regalano il successo al popolo juventino. La Juve ora supera in classifica l’Inter di un punto, raggiungendo quota 25, in scia al quarto posto.

Le formazioni ufficiali

JUVENTUS (3-5-1-1): 1 Szczesny; 6 Danilo, 3 Bremer, 12 Alex Sandro; 11 Cuadrado, 44 Fagioli, 5 Locatelli, 25 Rabiot, 17 Kostic; 20 Miretti; 14 Milik.
In panchina: 23 Pinsoglio, 36 Perin, 7 Chiesa, 15 Gatti, 19 Bonucci, 22 Di Maria, 24 Rugani, 30 Soulè.
Allenatore: Massimiliano Allegri.

INTER (3-5-2): 24 Onana; 37 Skriniar, 6 De Vrij, 15 Acerbi; 2 Dumfries, 23 Barella, 20 Calhanoglu, 22 Mkhitaryan, 32 Dimarco; 9 Dzeko, 10 Lautaro Martinez.
In panchina: 1 Handanovic, 21 Cordaz, 5 Gagliardini, 8 Gosens, 11 Correa, 12 Bellanova, 14 Asllani, 33 D’Ambrosio, 36 Darmian, 45 Carboni, 77 Brozovic, 95 Bastoni.
Allenatore: Simone Inzaghi.

Arbitro: Doveri. Assistenti: Carbone – Giallatini. Quarto ufficiale: Ayroldi. VAR: Di Paolo. Assistente VAR: S. Longo

Il primo tempo allo Stadium

La prima frazione di gioco è di quelle toste tra la squadra di Allegri e quella di Inzaghi. Entrambe si studiano, giocano a ritmi bassi e senza particolare coraggio, almeno nella prima mezz’ora. Poi piano piano i nerazzurri lievitano e creano qualche grattacapo alla retroguardia bianconera, che regge anche quando la pressione dell’Inter si fa più insistita. L’occaasione più ghiotta è proprio dei milanesi, che sprecano una grande chance con Dumfries. Primo tempo che si conclude comunque a reti bianche.

La ripresa e l’orgoglio della Juventus

I nerazzurri ripendono da dove avevano lasciato e vanno vicini al vantaggio con una conclusione di Calhanoglu sporcata sulla traversa da Szczesny. Poi un contropiede micidiale della Juventus capitanato da Kostic e concluso in porta da Rabiot capovolgono l’inerzia della gara, alla prima vera occasione della banda Allegri. I nerazzurri provano a scuotersi e vanno vicini al pari con Lautaro, pochi minuti dopo una dubbiosa rete annullata a Danilo, che su corner aveva trovato la zampata del 2-0. Poi sono i padroni di casa a farsi nuovamente pericolosi, ma una gran conclusione di Kostic si stampa sul palo. I nerazzurri tentano il tutto per tutto nel finale, ma in ripartenza Fagioli colpisce e chiude la partita.