Bibbiano, Di Maio: lo scandalo apre riflessione su coop e onlus

Pol/Tor

Roma, 31 lug. (askanews) - "Va avviata una riflessione ad ampio respiro. Questi scandali sempre più spesso accadono quando lo Stato si ritira dando spazio a imprese, cooperative, onlus magari 'politicamente' o 'ideologicamente' vicine, con una esternalizzazione o peggio privatizzazione dei servizi pubblici. Questo processo lo abbiamo visto in diversi scandali". Lo dice il vicepremier Luigi Di Maio, ministro del Lavoro e delle Politiche sociali e capo politico M5s, in una intervista a la Stampa sullo scandalo degli affidi di minori a Bibbiano dove sarà presto in visita con il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.

"Sarà una visita - spiega Di Maio- istituzionale per fare il punto della situazione con i sindaci, incontrare associazioni e famiglie, e presentare il progetto della squadra speciale istituita dal Ministro. Non ci sarà alcun comizio".

Quanto alle accuse al Pd di essere 'il partito di Bibbiano', "non vedo alcuno sciacallaggio politico. Le minacce di morte, non sono mai accettabili. Per quanto riguarda il sindaco di Bibbiano posso dire che sicuramente è innocente fino al terzo grado di giudizio, ma sicuramente ha responsabilità politiche che prescindono dagli esiti giudiziari". In ogni caso "io mi fido del lavoro di magistratura e Carabinieri" e "basta leggere gli atti:ci sono intercettazioni allucinanti".

.