"Bibbiano? Non lo faccio per farmi dire brava"

webinfo@adnkronos.com

"Questo messaggio è per i bambini. Non lo faccio né per farmi insultare né per farmi dire brava. Qui c'è solo da fare qualcosa subito e da far sapere a tutti coloro che perdono tempo a scrivere cazzate, che c'è una notizia gravissima con cui dobbiamo fare i conti". Dopo Nek, anche Laura Pausini, torna a parlare dell'inchiesta di Bibbiano, dopo il lungo intervento su Facebook di giovedì scorso, lodato dal vicepremier Matteo Salvini. La cantante lo fa rispondendo ai moltissimi commenti ricevuti proprio su quel post, la maggior parte positivi ma alcuni anche molto critici."È sempre molto difficile in Italia - dice Laura - commentare dei fatti di cronaca o attualità perché ti massacrano continuamente per qualsiasi cosa. Inventata o travisata. Io sono una persona molto fragile da questo punto di vista e sono molto schietta istintiva e genuina e per questo a volte è diventato un fatto di attualità che io abbia messo lo smalto a mia nipote al mare, o che mi prenda in giro e mi dica da sola che sono negata facendo una battuta chiaramente contro di me e pro Beyoncé... tutto viene raccontato descritto spettegolato in maniera diversa, esagerata a volte opposta a ciò che uno ha detto o ha fatto".

LEGGI ANCHE: Nek su Bibbiano: "No a strumentalizzazioni politiche"

LEGGI ANCHE. Scontro Mannoia-Sibilia sul caso Bibbiano. "Non strumentalizzate i bimbi per fini politici"

"È difficile poi difendersi - sottolinea la cantante - da quando ci sono i social sei fortunato se non ricevi insulti per le tue opinioni o per essere semplicemente chi sei. Io spesso vorrei intervenire su fatti di cronaca o di attualità ma poi preferisco lasciar perdere e sono certa che anche altri miei colleghi la pensano come me. Non tutti, per fortuna loro... io soffro molto un giudizio negativo su qualcosa di falso. Ma in questo caso non c’è molto da aver ansia perché questo messaggio è per i bambini. Non lo faccio ne per farmi insultare ne per farmi dire brava. Qui c’è solo da fare qualcosa subito e da far sapere a tutti coloro che perdono tempo a scrivere cazzate, che c’è una notizia gravissima con cui dobbiamo fare i conti. Ecco chi ha bisogno di sfogarsi, stavolta utilmente, tiri fuori la voce per parlare di questo scandalo".Ad un'altra follower che le chiede di sollecitare i media, Pausini risponde: "La maggior parte dei media parlano solo di cose stupide, per altro riportate sempre in maniera sbagliata. Falsa. Io ho adottato 31 bambini in Brasile per esempio. Ma sai che cosa hanno scritto nello stesso periodo? Che ero nuda sotto l’accappatoio (notizia falsa peraltro)! A te sembra che io possa avere qualche autorità sui media? Credimi non è così. Nei media si ricordano delle cose buone che hai fatto solo quando sei morto. Mentre le fai, sei semplicemente una marionetta che più famoso sei, più ti devono ridicolizzare. Nei miei social scrivo le cose che penso e per fortuna ho tante persone che mi seguono e possono condividere, o denunciare in questo caso, le cose che io riporto come portavoce anche vostra".