Bibbiano, Salvini: da Bibbiano nera nasca un'Italia migliore

Ska

Roma, 25 lug. (askanews) - "Che dalla Bibbiano nera nasca un'Italia migliore è la nostra speranza": così il ministro dell'Interno Matteo Salvini nel corso di una conferenza stampa organizzata insieme alla neoministra per la Famiglia le Disabilità Alessansdra Locatelli nella sala Salvadori del grupo della Lega alla Camera dei Deputati.

"Speriamo che da questo caso di cronaca non nera, ma più che nera, nasca una nuova primavera per le le famiglie e i minori", ha detto Salvini, secondo il quale "si può approfittare di questo pessimo momento per rivedere tutto il sistema del Diritto di famiglia e dei Tribunali dei Minori". Tra i temi ai quali il ministro ha accennato, l'introduzione del reato di alienazione parentale già vigente in altri paesi europei e la modifica della legge sull'affido condiviso attualmente "non applicata, o almento non interamente".

Secondo Salvini, bisogna "distinguere" tra gli assistenti sociali e le case famiglia, "la stragrande maggioranza", che fanno un buon lavoro, e chi, "per pregiudizio ideologico" o "per intascare quattrini" fa "business" sui minori e sulle famiglie, "una schifezza". In Italia, in tutto, sono 50mila i minori affidati ad una struttura fuori dalla propria famiglia, e "non penso ci siano 50mila casi" di abuso.