Bici: Ancma, 2020 anno record, vendute oltre 2 mln (+17%)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 25 mar. (Adnkronos) – Il 2020 è stato un anno record per la vendita di biciclette in Italia. Complice l'emergenza sanitaria e il timore di muoversi sui mezzi pubblici, lo scorso anno sono state vendute due milioni di biciclette. Livelli che non si vedevano dalla prima metà degli anni Novanta, quando l’avvento del fenomeno mountain bike contribuì alla diffusione delle due ruote nel Paese. Secondo i dati di Confindustria Ancma, l'associazione nazionale ciclo motociclo accessori, sono state vendute 1,73 milioni di biciclette, con un incremento del 14% sul 2019, e 280mila bici elettriche, con un balzo del 44% sull'anno precedente. Complessivamente sono 2,01 milioni i pezzi venduti, con un incremento del 17%.

Per Paolo Magri, presidente di Ancma, le conseguenze della pandemia sono una delle ragioni del boom di vendite che “nella necessità di distanziamento, di mobilità sostenibile in ambito urbano, come anche nel desiderio di libertà e benessere” vede uno dei principali motivi del ritorno in sella degli italiani. Ma il successo del mercato è dovuto anche all’introduzione del bonus mobilità governativo, che “ha contribuito a sostenere in modo rilevante una domanda, che comunque seguiva un trend di crescita positivo già prima dell’operatività degli incentivi”.

Il comparto del ciclo in Italia è costituito da circa 250 imprese, in prevalenza pmi. Nel 2020 anche la produzione del comparto ha registrato complessivamente una crescita del 6%, con quella delle ebike aumentato del 29%. Le biciclette a pedalata assistita si confermano un fenomeno di mercato in costante crescita. In cinque anni le ebike hanno quintuplicato i dati di vendita, passando da poco più di 50mila pezzi annui ai 280mila del 2020.