Biden: "Non invieremo in Ucraina missili che possono raggiungere Russia"

(Adnkronos) - "Non invieremo in Ucraina sistemi missilistici che possono colpire all'interno del territorio della Russia". Lo ha detto oggi Joe Biden rispondendo alle domande dei giornalisti che gli chiedevano conferma delle notizie riguardo alle intenzioni dell'amministrazione Usa di inviare a Kiev sistemi missilistici a lunga gittata. L'indiscrezione era stata riportata dal New York Times, che parlava di un trasferimento di lanciarazzi mobili che possono sparare molto più lontano dei lanciatori che l'Ucraina sta usando ora.

L'affermazione di Biden riguardo al fatto che non verranno consegnati a Kiev missili in grado di colpire la Russia sono in contrasto con quanto rivelato nei giorni scorsi da Cnn e Washington Post riguardo al fatto che l'amministrazione americana si starebbe preparando ad inviare a Kiev il Multiple Launch Rocket System (Mlrs), sistema missilistico capace di lanciare razzi a media gittata, fino a 300 chilometri, distanza che permetterebbe all'Ucraina di colpire all'interno del territorio russo. E' possibile che il nuovo pacchetto di aiuti militari destinato a Kiev comprenda solo missili a breve gittata, non superiore alle 50 miglia.

Sono mesi che gli ucraini richiedono l'invio del sistema Mlrs, e il senatore Rob Portman, esponente repubblicano influente della commissione Esteri, ieri ha pubblicamente sostenuto la richiesta. "L'amministrazione deve immediatamente fornire i sistemi di lancio missilistico multiplo richiesto dall'Ucraina, queste armi difensive aiuteranno Kiev a difendere la parte orientale del Paese dall'avanzata russa", ha twittato ieri dopo un incontro con i vertici militari americani in Germania.

"L'amministrazione non si deve far limitare dalla paura di provocare la Russia - ha aggiunto - il Mlrs potrebbe riequilibrare il campo in favore dell'Ucraina e deve essere inviato immediatamente". Dopo le rivelazioni dei giorni scorsi, dalla Russia è stato sottolineato che l'invio di missili a lunga gittata provocherebbe "una dura risposta dalla Russia".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli