Biden paragona Xi a Putin in prima conferenza stampa ufficiale

·1 minuto per la lettura
Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden durante una conferenza stampa alla Casa Bianca a Washington

WASHINGTON (Reuters) - Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si è impegnato a spingere la Cina a giocare secondo le regole internazionali.

Nella giornata di ieri il presidente si è intrattenuto con i giornalisti per oltre un'ora nella sua prima apparizione in solitaria davanti ai reporter della sua amministrazione.

Ha anche criticato gli oppositori repubblicani e difeso la sua scelta di garatire rifugio ai minorenni che traversano il confine con il Messico. nel corso della sua prima apparizione in solitaria davanti ai reporter della sua amministrazione.

Biden è apparso molto preparato, controllando le sue note solo occasionalmente e rispondendo con calma alle domande, in aperto contrasto con le conferenze stampa spesso turbolente e combattive del suo predecessore repubblicano Donald Trump.

Con le relazioni sino-americane ai minimi da decenni, Biden ha paragonato il presidente cinese Xi Jinping al presidente russo Vladimir Putin, definendo entrambi dei sostenitori dell'autocrazia.

Ma ha anche detto che gli Usa non cercano una contrapposizione frontale con la Cina sulle divergenze riguardo il commercio, Hong Kong, il trattamento della minoranza uigura e il rafforzamento degli armamenti da parte di Pechino.

"E' uno di quei leader, come Putin, che crede che l'autocrazia sia la strada per il futuro, (e che) la democrazia non possa funzionare in un mondo sempre più complesso", ha detto Biden di Xi. "Non ha una singola fibra democratica -con la d minuscola - nel suo corpo, ma è molto, molto intelligente".

Il presidente Usa ha aggiunto che insisterà affinché il leader cinese "giochi secondo le regole internazionali di equa competizione, eque pratiche ed equo commercio".

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)