Biden parla con Putin: Start, ma anche Navalny e altri punti dolenti

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 gen. (askanews) - Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha avuto il primo contatto con il presidente russo Vladimir Putin per discutere innanzitutto dell'estensione del Trattato Start 2 per la riduzione delle armi strategiche e per affrontare altre questioni di rilievo bilaterale, ha detto la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki. Occasione per confermare la disponibiltà americana al rinnovo dello Start e per passare in rassegna tutti i 'punti dolenti' di cui la nuova amministrazione americana intende chiedere conto al Cremlino.

Biden ha confermato a Putin "la disponibilità a prolungare il New Start per cinque anni", ha precisato Psaki.

Il neo-presidente Usa ha espresso "preoccupazione" per l'arresto dell'oppositore russo Alexey Navalny al rientro dalla Germania, dove è stato curato dopo il tentativo di avvelenamento dello scorso agosto. E ha rilanciato la questione delle taglie che la Russia avrebbe messo in Afghanistan sui militari americani e le accuse di ingerenze nel processo elettorale Usa. Tutti punti per i quali il Cremlino nega qualsiasi implicazione.

Inoltre, Biden ha parlato della crisi sempre aperta in Ucraina, Paese che gli Stati Uniti intendono difendere "dall'aggressione" russa.