Biden: sfida è con Cina e Russia, non in Afghanistan

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 31 ago. (askanews) - "Era ora di finire questa guerra. Il mondo è cambiato, siamo in competizione continua con la Cina, siamo in sfida con la Russia, e non c'è cosa che loro vorrebbero di più del fatto che noi restassimo impantanati in Afghanistan per altri 10 anni". Lo ha detto Joe Biden, parlando all'America, spiegando che le minacce terroristiche oggi sono "in Somalia, gli affiliati ad Al Qaeda, l'Isis in Siria e in Iraq, e in Africa. Mi rifiuto di continuare una guerra che non rispondeva più ad un interesse nazionale vitale".

E ha rivendicato: "Un presidente deve difendere l'america non contro le minacce del 2001 ma contro le minacce del 2021 e del domani. Le minacce terroristiche continuano, la loro natura è cambiata e la nostra strategia deve cambiare: non dobbiamo lottare sul posto, possiamo combattere senza soldati sul posto o con pochi soldati sul posto". E lancia un messaggio all'Isis K: "Non abbiamo finito con voi. Come comandante in capo la nostra strategia sarà precisa e mirata".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli