Biden: "Sono stanco, sulle armi possiamo e dobbiamo fare di più"

"Sono stanco, sulle armi possiamo e dobbiamo fare di più". Lo ha affermato Joe Biden, visibilmente scosso, rivolgendosi agli americani dopo la strage nella scuola elementare di Unvalde, in Texas, dove un 18enne ha ucciso 19 bambini e due adulti. "Quando per l'amor del cielo affronteremo la lobby delle armi?", ha dichiarato Biden.

Biden:
Biden: "Sono stanco, sulle armi possiamo e dobbiamo fare di più" REUTERS/Kevin Lamarque

GALLERY - Il killer aveva 18 anni: ecco chi era

GALLERY - Strage in una scuola Usa: le immagini drammatiche

Il presidente Usa aveva vissuto da vicepresidente il massacro alla scuola elementare di Sandy Hook definendolo allora uno dei periodi più bui degli otto anni di presidenza Obama. "Speravo quando sono diventato presidente di non dover fare questo ancora una volta" ha aggiunto il leader della Casa Bianca chiedendo leggi sulle armi di buon senso di fronte a una lobby che ha trascorso due decenni a promuovere aggressivamente armi d'assalto.

VIDEO- Sparatoria a scuola in Texas: uccisi 19 bambini e due insegnanti

Durante il volo di ritorno dal Giappone, il presidente è stato informato della devastante sparatoria- la ventisettesima avvenuta in una scuola americana dall'inizio dell'anno secondo Education Week - e dalla Casa Bianca ha invitato a una riflessione collettiva: "Perché vogliamo vivere con questa carneficina? Perché continuiamo a consentire che questo accada? Per l'amor del cielo dove è la nostra spina dorsale? E' il momento di trasformare il dolore in azione, e farlo ogni genitore e per ogni cittadino di questo paese. Dobbiamo chiarire a ogni funzionario eletto in questo paese: è tempo di agire. È arrivato il momento: a chi ostacola, ritarda o blocca le leggi di buon senso sulle armi, dobbiamo far loro sapere che non dimenticheremo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli