Biden su Cina e Russia: grosso errore non farsi vedere a COP26

·1 minuto per la lettura
featured 1534446
featured 1534446

Milano, 3 nov. (askanews) – “Penso che sia stato un grosso errore, francamente, per la Cina – non ci aspettavamo che la Cina – non si facesse vedere. Il resto del mondo guarderà alla Cina e dirà ‘che valore aggiunto stanno fornendo?’ E hanno perso la capacità di influenzare le persone in tutto il mondo e tutte le persone qui alla COP26. Allo stesso modo direi riguardo alla Russia”.

Il presidente americano Joe Biden non le manda a dire al presidente cinese, Xi Jinping, per non essersi presentato di persona al summit a Glasgow, ma immediata arriva la replica cinese.

La Cina attacca gli Stati Uniti sull’impegno contro i cambiamenti climatici e difende la propria azione per ridurre le emissioni: “Non siamo stati noi a ritirarci dagli accordi di Parigi”, ha scritto su Twitter il rappresentante permanente della Cina presso le Nazioni Unite, Zhang Jun, in merito a una decisione presa dalla precedente amministrazione, quella guidata da Donald Trump.

E poi si ribatte punto per punto a Biden, usando più lo stile di Greta che quello della silenziosa diplomazia cinese.

*https://twitter.com/ChinaAmbUN/status/1455681481343442944

“Non abbiamo bisogno di slogan vuoti, politiche che cambiano continuamente, cortei ed entourage di lusso ed esporre irresponsabilmente numerose persone all’infezione”. Chiaro il riferimento al corteo con il quale si sposta il presidente americano. Ma anche chiaro che la dialettica tra Pechino e Washington ha decisamente cambiato marcia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli