## Biden vola, Sanders rallenta: è corsa a due... -2-

A24/Pca

New York, 4 mar. (askanews) - Meno certo è come usciranno i due principali candidati da questo Super Tuesday, in termini di risultati definitivi (la suddivisione dei delegati di Texas e California, soprattutto, darà un quadro più completo della situazione) e di slancio per i prossimi appuntamenti elettorali che si susseguiranno nelle prossime settimane. Gli ultimi giorni hanno già dimostrato che i sondaggi appassiscono in due giorni e che le gaffe, le polemiche e le insicurezze durante i dibattiti contano poco; molti elettori decidono all'ultimo istante, sull'emotività del momento, scegliendo spesso un voto rassicurante.

E cosa c'è di più rassicurante del volto e delle parole di Biden, la spalla del primo presidente afroamericano, il politico da una vita, l'uomo che ha saputo raccontare al Paese i suoi dolori di padre e marito, dalla morte di moglie e figlia nel 1972 in un incidente stradale a quella del figlio Beau per un cancro al cervello, nel 2015: troppo forte era il dolore per potersi candidare nel 2016. La risposta al presidente Donald Trump, afferma con forza una gran parte dell'elettorato democratico, non può essere un altro candidato divisivo come Bernie Sanders. (segue)