Bielorussia, Borrell (Ue): repressione continua, sì nuove sanzioni

Sim
·1 minuto per la lettura

Roma, 19 nov. (askanews) - I ministri degli Esteri dell'Unione europea (Ue) hanno "concordato di procedere con la definizione di nuove sanzioni in risposta alla brutalità delle autorità e a sostegno dei diritti democratici dei bielorussi": è quanto ha detto il capo della diplomazia Ue, Josep Borrell, nella conferenza stampa al termine del vertice tenuto oggi. "In Bielorussia - ha denunciato Borrell - la situazione continua a peggiorare. La repressione del regime di Lukashenko contro il proprio popolo non si è fermata". "Abbiamo già sanzionato 15 persone e oggi abbiamo concordato di procedere alla definizione di nuove sanzioni" che "non saranno solo contro singoli individui, ma anche contro istituzioni e imprese", ha precisato.