Bielorussia, Lukashenko: non ci inginocchieremo a Ue

·1 minuto per la lettura
featured 1537034
featured 1537034

Milano, 9 nov. (askanews) – “Non ci inginocchieremo di fronte all’Unione Europea”. È questa la risposta del presidente bielorusso Lukashenko alla comunità internazionale preoccupata da una escalation armata sul confine fra Bielorussia e Polonia dove sono accampate 4mila persone.

Migranti che sperano di entrare in Europa usati come armi dal governo di Minsk, accusano la Polonia e l’Unione.

“Sappiamo che se, Dio non voglia, commettiamo qualche errore, se falliamo, questo coinvolgerà immediatamente la Russia in questo vortice, e loro sono la più grande potenza nucleare. Non sono pazzo, capisco perfettamente a cosa può portare questo”, ha aggiunto Lukashenko.

Per la Polonia, che si rifiuta di aprire i confini, si tratta di “un attacco da parte del regime bielorusso” che mette a rischio la stabilità dell’Europa stessa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli