Bielorussia, morto dopo arresto artista e oppositore Bondarenko

Dmo
·1 minuto per la lettura

Roma, 13 nov. (askanews) - Un artista bielorusso, esponente dell'opposizione bielorussa al presidente Alksander Lukashenko, Roman Bondarenko, è morto in seguito all'arresto da parte della polizia. Bondarenko, poeta di 31 anni, era stato arrestato mercoledì e, secondo il Comitato di inchiesta bielorusso, al momento del fermo "aveva ferite sul corpo". Era stato condotto in un commissariato dove le sue condizioni si erano aggravate e poi in ospedale dove, secondo le autorità, "è stata confermata un'intossicazione dal alcol". Bondarenko è morto giovedì. Alcuni dottori sotto anonimato hanno, però, dichiarato al sito indipendente Tut.by che la vittima non aveva tracce di alcol nel sangue. Il poeta è arrivato in ospedale in coma, con gravi lesioni celebrali ed ematomi. La leader dell'opposizione Svetlana Tikhanovskaya ha denunciato la morte "di un uomo innocente" e ha chiesto di formare una catena umana e rispettare un minuto di silenzio nel Paese oggi a mezzogiorno. Dall'inizio delle contestazioni ad agosto, dopo le presidenziali, ufficialmente sono morte quattro persone dopo l'arresto, ma decessi sospetti fanno pensare a un bilancio più grave.