Big Data per analizzare rischio sismico nei comuni italiani -2-

Cro-Mpd

Roma, 17 giu. (askanews) - "In pratica con questo progetto - ha aggiunto Zuccaro - ogni comune pu avere a disposizione uno strumento (un modello per la valutazione dell'impatto sismico) che attualmente in possesso solo delle strutture centrali di gestione del rischio e dell'emergenza (sala operativa della protezione civile) per analisi di rischio su scala nazionale o regionale e che ora stato declinato anche per poter funzionare all'interno del territorio di un singolo comune. In altri termini, con Caesar, il comune pu simulare un impatto sismico sul proprio tessuto urbano (con le specifiche di ciascun tipo di costruzione) e valutare cos non solo il rischio a cui le case e i cittadini sono esposti, ma anche dove concentrare al meglio le risorse per ottimizzare i piani di emergenza e gli interventi dei piani di mitigazione, anche attraverso analisi costi-benefici. Si tratta di informazioni fondamentali che permettono di mettere in campo tutti gli strumenti per una adeguata "governance" urbana per pianificazione e gestione dell'emergenza".

Questo sar possibile per i Comuni scaricando gratuitamente dalla piattaforma dell'Agenzia della Coesione Territoriale, che ha finanziato il progetto, un kit di riuso con allegate istruzioni e manualistica d'uso. Il Progetto realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea, Programma Operativo Nazionale Governance e Capacit Istituzionale 2014-2020 - FSE/FESR, e prevede interventi volti al trasferimento, all'evoluzione e alla diffusione di buone pratiche attraverso Open Community PA 2020. realizzato con il Centro Studi Plinivs struttura operativa del Centro Interdipartimentale "Raffaele d'Ambrosio" - LUPT, dell'Universit degli studi di Napoli "Federico II", la Regione Campania, dal Dipartimento della Protezione civile della Regione Sicilia, dal Comune di Nicolosi (CT) e dal Comune di Grumento Nova (PZ) e da quello di Cava de' Tirreni (Sa) che l'Ente capofila.

(Segue)