Big Love, sostenibile e innovativa la futura strategia MINI

·1 minuto per la lettura

Pensare in maniera creativa, vedere le sfide come opportunità, prendere in considerazione i desideri e le esigenze delle persone in modo aperto e non convenzionale sono le sfaccettature saldamente ancorate nella tradizione del marchio MINI, che sta ora tracciando la sua futura strategia sulla base di questo approccio. Ciò implica affrontare le sfide attuali nei settori della mobilità, dell'economia energetica e della protezione del clima con soluzioni indipendenti per il divertimento di guida di domani tipico del Marchio.

La strategia sviluppata in questa direzione si basa sullo slogan della campagna BIG LOVE, che simboleggia lo stretto impegno del brand nei confronti delle risorse naturali fondamentali del nostro pianeta, degli esseri umani in tutta la loro diversità, del progresso tecnologico e della crescita redditizia come produttore di auto premium. «Insieme all'elettromobilità, lo sviluppo di nuovi target e mercati di vendita è un fattore chiave per il futuro di MINI» ha commentato Bernd Körber, Head of MINI. Tra le altre novità, già a partire dal 2023, MINI presenterà una nuova generazione di modelli completamente elettrici. Due dei quali sviluppati da zero venrranno prodotti in Cina.

La produzione locale offre oggi più di ieri l’opportunità di partecipare come fornitore alla crescita dinamica del mercato automobilistico cinese. A partire dal 2023 l’erede dell'attuale MINI Countryman sarà costruita nello stabilimento del BMW Group a Lipsia, con una trazione elettrificata e un motore a combustione. Tutti gli altri modelli MINI saranno prodotti nel MINI Plant Oxford, che rimane il cuore della produzione del brand. Il Regno Unito continuerà ad essere la casa del Marchio. Dall'inizio del 2030, MINI sarà un marchio completamente elettrico.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli