Bilancio Milano, De Corato: per Sala la sicurezza può aspettare

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 1 apr. (askanews) - "Il bilancio ormai è alle porte e quello che dalle schede distribuite nei giorni scorsi durante la Commissione Bilancio di Palazzo Marino ai consiglieri emerge subito è come negli anni la spesa 'investimenti sicurezza' sia diventata il fanalino di coda per il Comune di Milano". Lo afferma il consigliere comunale di Fdi a Milano, Riccardo De Corato, già vice Sindaco del capoluogo lombardo ed assessore regionale, in merito al bilancio comunale che sarà presentato il mese prossimo.

"I numeri parlano chiaro - sostiene De Corato - spese investimenti per il 2017 4,2 milioni di euro, per il 2020 300mila. Ancor più chiara è la partita di soldi in percentuale divisa per Missioni di Bilancio per la spesa corrente: per il 2020 5,84%, per il 2021 5,24%. Un taglio quasi del 10%. È evidente che il problema sicurezza per questa Giunta a Milano non esiste e per tanto non c'è bisogno di investirci molto, anche se le periferie ormai sono abbandonate, addirittura baby gang sono diventate padrone di alcuni territori e la droga scorre come un fiume in piena in ogni via della città. Ormai è palese: Beppe Sala ci tiene a rimanere in testa alle classifiche del Sole24 Ore e di ItaliaOggi come città con più denunce d'Italia e per il suo vice Sindaco Scavuzzo l'insicurezza di Milano non esiste o, quantomeno, è una questione marginale rispetto alle problematiche della città", conclude De Corato.