Bill Cosby ringrazia, ma è polemica su annullamento condanna

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 1 lug. (askanews) - Un tweet con una foto col pugno alzato, come i simpatizzanti delle Black Panthers che lottavano per i diritti degli afroamericani negli anni '70: così Bill Cosby ha ringraziato i suoi fan dopo la sentenza della Corte suprema dello Stato della Pennsylvania che ha annullato la sua condanna per violenza sessuale ai danni dell'ex giocatrice di basket Andrea Constand.

"Ho sempre sostenuto la mia innocenza", ha affermato Cosby nel tweet, "grazie a tutti i miei fan, supporter e amici che mi sono stati vicini durante questo calvario. Un ringraziamento speciale alla Corte Suprema della Pennsylvania per aver difeso lo Stato di diritto".

Ma la nuova sentenza, grazie alla quale Cosby ieri è uscito dal carcere in cui aveva scontato quasi tre anni della sua pena da 3 a 10 anni per i reati contestatigli, ha già scatenato le polemiche in un'America ancora percorsa dalle onde del movimento #MeToo contro la violenza sulle donne, uno tsunami iniziato nel 2017, quasi 12 anni dopo la prima accusa di Constand a Cosby.

Tanto più che la decisione della Corte Suprema che ha liberato l'attore si basa su un "vizio procedurale" che ha inficiato, secondo i giudici, il processo che lo trovò colpevole nel 2018 di aver drogato e abusato di Constand: una questione tecnica, complessa al punto da essere quasi impossibile da comprendere per i cittadini, e soprattutto una questione di forma, che non solleva quindi Cosby dalla sua responsabiltà "morale".

L'attore, che aveva raggiunto la fama negli anni '80 per numerose sit com molto popolari anche in Italia fra cui "I Robinson", era noto all'epoca con il soprannome di "Americas Dad" ("il papà dell'America"). Dopo l'accusa di Andrea Constand, decine di altre donne hanno accusato Cosby di averle molestate o stuprate, ma - in buona parte a causa della prescrizione dei reati - l'unico processo finora celebrato è stato quello relativo al caso di Constand.

La sentenza è uno "schiaffo in faccia" a tutte le vittime che hanno accusato Cosby di aggressioni sessuali, ha detto Lisa Bloom, avvocato di tre accusatrici, alla Cnn. Un'altra donna che ha accusato Cosby, Victoria Valentino, ha dichiarato in un comunicato di essere "indignata, sconvolta, con lo stomaco a pezzi. Il lavoro che abbiamo fatto per solevare le donne è stato sotterrato da un cavillo giuridico. Ora abbiamo uno sfruttatore e predatore seriale a piede libero".

Gloria Allred, che rappresentava altre presunte vittime, ha insistito sul fatto che la decisione non ha assolto Cosby dai fatti: "Malgrado la decisione della Corte Suprema della Pennsylvania, questa è stata un'importante battaglia per la giustizia e sebbene la corte abbia annullato la condanna per motivi tecnici, non ha assolto la condotta di Cosby e non deve essere interpretata come una dichiarazione che non abbia compiuto gli atti per i quali è stato accusato".

Anche Kevin Steele, il procuratore della causa contro Cosby, ha sottolineato che l'attore è stato liberato a cusa di una questione di procedura "irrilevante rispetto all'effettiva perpetrazione dei fatti criminali contestati".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli