Bimba di 7 anni cade in un pozzo: le condizioni della piccola

vigile del fuoco
vigile del fuoco

Una bimba di 7 anni è caduta in un pozzo di quindici metri, con acqua alta circa sette metri sul fondo. La piccola è stata salvata dai vigili del fuoco, che l’hanno recuperata a circa otto metri di profondità. La bambina si era infatti aggrappata ad alcune fessure sulle pareti. Dopo il salvataggio la bimba è stata affidata alle opportune cure mediche ed è apparsa in buone condizioni. L’episodio è avvenuto a Cingoli (Macerata) in data 19 luglio, intorno alle 12:30.

Bimba caduta nel pozzo: l’intervento dei vigili del fuoco

Una volta giunti sul posto, i vigili del fuoco si sono calati nel pozzo, con l’ausilio delle tecniche SAF (sigla che sta per Speleo Alpino Fluviale). La piccola è stata recuperata a otto metri di profondità; è stata trovata aggrappata ad alcune fessure sulle pareti del pozzo. Affidata ai sanitari del 118, la bimba è stata trasportata in eliambulanza all’ospedale regionale Le Torrette di Ancona. Giunti sul luogo della caduta anche i carabinieri.

Un tweet conferma il salvataggio

La pagina Twitter Vigili del Fuoco ha confermato, tramite il seguente post, che la bimba è sana e salva: “Salvata dai #vigilidelfuoco! Una bimba di 7 anni, caduta in un pozzo a Cingoli (MC), è stata recuperata dal nostro personale del nucleo SAF (Speleo Alpino Fluviale) con una manovra su corda. Affidata alle cure del personale sanitario, la piccola è apparsa in buone condizioni”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli