Bimba ingerisce cocaina e cannabis dimenticate dalla madre

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Una bimba di poco meno di due anni è stata portata in ospedale dopo aver ingerito droga. I militari della Stazione di Malo, in provincia di Vicenza, hanno portato a termine un’attività investigativa che si è conclusa con la denuncia per lesioni personali e abbandono di minori nei confronti della madre.

Il fatto risale alla prima decade di agosto quando la piccola aveva ingerito cocaina e cannabinoidi, come riportato dal referto medico dell’ospedale di Santorso dove la bambina era stata portata dalla madre una volta accortasi del suo stato alterato. I militari, allertati dai medici, hanno subito svolto le dovute indagini: sono state raccolte le testimonianze di parenti, familiari e personale sanitario che hanno confermato la tossicodipendenza dell’indagata la quale, si presume, avrebbe inavvertitamente dimenticato delle sostanze stupefacenti su una superficie facilmente raggiungibile dalla bambina. I servizi sociali, immediatamente attivati, hanno affidato entrambe alle cure di una comunità di recupero. Il caso, per la sua gravità e delicatezza, è costantemente seguito dalla Procura di Vicenza.