Bimba risucchiata dalla pompa della piscina: la morte davanti agli occhi dei genitori

Alisa Adamova (Fonte: Facebook)


La giovanissima Alisa Adamova, 12 anni, di San Pietroburgo in Russia, è morta davanti agli occhi terrorizzati dei genitori mentre tutti e tre erano in vacanza in Turchia, al Sunhill Hotel. Proprio la piscina dell'hotel è stata fatale per la piccola, che, mentre stava facendo il bagno, è rimasta bloccata con il braccio risucchiato da un dei filtri della vasca, da cui non è più riuscita a uscire, morendo annegata. Lo riporta il Sun.



Il padre, vedendo che la figlia non riemergeva, si è tuffato in acqua per salvarla, ma non c'è stato nulla da fare: Alisa era imprigionata dentro la pompa della piscina. Quello stesso dispositivo di pompaggio che, nonostante le urla di aiuto dei genitori, il personale dell'albergo non è riuscito a spegnere in tempo. Anzi, che non è mai riuscito a spegnere, visto che, dopo aver cercato a lungo l'interruttore del macchinario, lo staff ha dovuto spaccare il motore della pompa, bloccandola finalmente.


Guarda anche: Estate in piscina, parola chiave: sicurezza


La famiglia ora pretende che i responsabili del tragico incidente vengano individuati e paghino per le loro colpe. Come riporta il Sun, infatti, sul posto non era presente neanche un bagnino e nessuno sapeva come spegnere il macchinario di pompaggio.