Bimbo cade in un laghetto, è grave

webinfo@adnkronos.com
Tragedia a Nettuno, dove un bimbo di appena due anni è affogato in un piccolo stagno all'interno di una proprietà privata. A trovarlo, intorno alle 8 di questa mattina, è stata la mamma, che ha immediatamente allertato i soccorsi. I sanitari del 118, giunti sul posto insieme ai vigili del fuoco, hanno provato a rianimare il piccolo, che aveva compiuto due anni a maggio scorso, ma non c'è stato nulla da fare.  Su quanto avvenuto stanno indagando gli investigatori del Commissariato di Anzio, che stanno cercando di ricostruire la dinamica dell'accaduto. L'ipotesi più accreditata al momento è quella di un incidente. Una disgrazia che si sarebbe consumata in pochi minuti: il bimbo sarebbe infatti finito nel vascone che si trova nel giardino dell'abitazione di famiglia, sfuggendo al controllo dei genitori, entrambi italiani.

E' ricoverato in terapia intensiva pediatrica dell'ospedale di Novara il bambino di 5 anni che la scorsa notte è finito nel laghetto di un ristorante di Soriso, in provincia di Novara. Le sue condizioni sono critiche, ma secondo i sanitari sta rispondendo bene alle cure. 

Il bimbo era con i suoi familiari, ucraini residenti a Borgomanero (Novara), al ristorante 'Laghetto della Gelata' , immerso nel verde a due passi dal Santuario della Gelata. Un laghetto, circondato da una staccionata con due file di legni, e una cascatella lo rendono particolarmente caratteristico. Nella tarda serata di ieri il bambino era uscito dalla sala dirigendosi verso il laghetto, superata senza difficoltà la staccionata, è scivolato in acqua.  

E' stato un addetto del ristorante ad accorgersi dell'accaduto, salvando il bambino dall'annegamento. Dopo le prime cure dei sanitari del 118, il piccolo è stato trasportato all'ospedale di Borgomanero, e poi trasferito a Novara. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, che stanno indagando sul rispetto delle misure di sicurezza.