Bimbo caduto nel fiume si risveglia dal coma: “Non sento dolore”

bimbo caduto fiume coma

Il bimbo di 7 anni che domenica 22 dicembre è caduto nel fiume si è risvegliato dal coma. Il piccolo era scivolato nel fiume Pescia, a Ponte Buggianese in provincia di Pistoia. Il piccolo stava passeggiando in bicicletta insieme ai genitori quando improvvisamente ha sbandato ed è finito nel fiume, probabilmente a causa di una buca nel terreno. Dopo alcuni giorni di coma farmacologico nell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, il piccolo è riuscito a risvegliarsi e a scambiare anche qualche parola con la madre. Lei gli ha chiesto se sentisse dolore e lui ha risposto di “no”. La sua prognosi rimane comunque riservata nonostante il bimbo abbia ripreso a respirare normalmente.

Bimbo caduto nel fiume salvato dal padre

La corrente del fiume in piena ha trascinato il bimbo di sette anni per almeno 300 metri. Il padre si è subito buttato nel fiume, preso dalla disperazione, per cercare di recuperarlo. L’uomo però non era in grado di nuotare e la corrente continuava a trascinarli dall’altra parte della riva. Un residente della zona, allertato dalle urla della madre del bambino, è intervenuto con una corda e, insieme a un ciclista di passaggio, sono finalmente riusciti a portare in salvo padre e figlio.

Il bambino, già in arresto cardiaco, è stato inizialmente aiutato da una ragazza che ha eseguito un primo massaggio cardiaco. Grazie all’immediato intervento del 118 il piccolo è stato immediatamente soccorso e portato in ospedale. Una sfiorata tragedia, quella di questo bambino di sette anni che dopo due giorni di coma ha ripreso lentamente conoscenza e che ora riesce finalmente a parlare e a respirare in modo autonomo.