Bimbo di tre anni beve metadone in auto: denunciati i genitori

Bimbo beve metadone

L’episodio si è verificato in provincia di Salerno. Un bimbo beve un’intera boccetta di metadone dimenticata dal padre sul sedile dell’auto e, persi i sensi, viene ricoverato d’urgenza all’ospedale.

Bimbo beve metadone in auto

Si stava recando con mamma e papà da Cosenza a Napoli la notte tra l’8 e il 9 novembre 2019, quando si sarebbe accorto di una bottiglietta presente sul sedile a fianco a lui. Così, ignaro di quello che vi era contenuto, l’ha bevuta interamente. Quella boccetta conteneva però del metadone che, stando alle prime ricostruzioni, il padre avrebbe posseduto legittimamente perché in cura al Sert, il Servizio di recupero delle tossicodipendenze. La sostanza ha infatti lo scopo di ridurre l’assuefazione in coloro che sono dipendenti da eroina.

Avendone ingerita una grande quantità, il bambino ha perso i sensi e i genitori l’hanno immediatamente trasportato d’urgenza all’ospedale di Eboli. Da qui è stato poi trasferito a quello di Battipaglia. Le sue condizioni sono apparse subito gravi, tanto da far attivare tutte le procedure di rianimazione, reparto dove tutt’ora il piccolo è ricoverato. Fortunatamente, secondo quanto si apprende, starebbe reagendo bene alle cure dei medici e non sarebbe in pericolo di vita.

Sulla vicenda stanno indagando i Carabinieri di Battipaglia sotto gli ordini del maggiore Vitantonio Sisto. Compito loro sarà di ricostruire l’esatta dinamica di quanto accaduto. Hanno inoltre informato la Procura e denunciato a piede libero i genitori del piccolo, originari della Calabria, per omessa vigilanza.