Bimbo morto a Sharm, folla ai funerali del piccolo Andrea

(Adnkronos) - Folla ai funerali del piccolo Andrea Mirabile, il bimbo di sei anni morto mentre era in vacanza con i genitori a Sharm El Sheik. Molto toccante l'omelia del parroco durante le esequie. "In tanti ci siamo chiesti guardando questa piccola bara bianca, 'ma perché Dio non se ne è preso cura?'. In questo momento non troviamo risposte, ma sappiamo che Dio sta dalla nostra parte. Ci sono eventi che contrastano con la nostra volontà e che possono generare sgomento", dice don Luciano Fricano.

"Quante cose ci insegna Andrea qui in mezzo a noi, ha risvegliato in noi la solidarietà. Avevamo altri impegni oggi, eppure siamo qui. Andrea ci sta insegnando che essere solidali è più importanti di fare altro, riempie il cuore. Stamattina Andrea vi sta facendo una richiesta, di metterlo come sigillo nel cuore. Vi sta chiedendo di portarlo sempre con voi", ha aggiunto. Dietro la bara bianca ci sono i genitori del bambini, stravolti dal dolore. Il padre è stato dimesso ieri sera dall'ospedale, dove era stato ricoverato con gli stessi sintomi del figlio, proprio per partecipare alle esequie. Anche l'uomo, come il figlio, aveva avuto un malore mentre era nel resort.

Presente anche il sindaco Roberto Lagalla, visibilmente commosso, che prima dei funerali ha abbracciato i genitori.

A Palermo oggi è lutto cittadino e i palazzi comunali hano esposto le bandiere a mezz’asta. Ai funerali parteciperà anche il padre del piccolo, dimesso dall'ospedale solo ieri sera. Il corpo del bimbo è stato restituito ai familiari solo ieri, dopo la seconda autopsia. Il pm ha rilasciato il nulla osta. “La famiglia ringrazia tutti coloro che hanno mostrato il loro affetto e la vicinanza con le preghiere e continua a richiedere silenzio e rispetto del proprio dolore”, dicono in una nota dallo studio legale Giambrone & Partners che seguendo i due coniugi in questa terribile vicenda. Intanto, la prossima settimana, verranno sentiti in Procura i genitori del piccolo Andrea. I pm che hanno aperto una inchiesta vogliono capire cosa sia accaduto nel resort di lusso in Egitto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli