Binotto: "Avevamo il DAS, ma non ci abbiamo creduto"

Roberto Chinchero

Se ne parla meno, rispetto alla scorsa settimana, ma sotto la cenere c’è ancora della brace ardente. A richiamare l’attenzione sul sistema DAS (portato in pista dalla Mercedes la scorsa settimana e subito oggetto di discussioni) è stato Mattia Binotto.

Ad una domanda specifica, il team principal del Cavallino ha risposto a sorpresa che lo sterzo in grado di variare la convergenza degli pneumatici anteriori è stato valutato in passato a Maranello.

“Il sistema DAS è un dispositivo che in passato abbiamo valutato – ha rivelato Binotto - non lo abbiamo progettato e sviluppato perché la questione della legalità andava affrontata e chiarita con la FIA".

"In più riteniamo che per i concetti della nostra monoposto non sia un’idea che valga la pena di essere approfondita, ma stiamo alla finestra e vedremo cosa faranno i nostri avversari”.

Mentre nel paddock c’è chi non esclude la possibilità che la legalità del sistema DAS possa tornare d’attualità nel weekend australiano, la posizione della Ferrari non alimenta alcuna polemica.
“Credo che sia difficile per noi giudicare – ha tagliato corto Binotto – non conosciamo ovviamente a fondo lo sistema, ma sono sicuro che la FIA esprimerà il proprio giudizio finale e abbiamo fiducia nel loro lavoro”.

Sterzo Mercedes AMG W11 DAS

Sterzo Mercedes AMG W11 DAS Giorgio Piola

Giorgio Piola

Confronto tra Mercedes AMG F1 W11 & W10

Confronto tra Mercedes AMG F1 W11 & W10 Giorgio Piola

Giorgio Piola

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 Zak Mauger / Motorsport Images

Zak Mauger / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 Glenn Dunbar / Motorsport Images

Glenn Dunbar / Motorsport Images