Biodiversità marina, Marche coordinano progetto Interreg Italia-Croazia

red/Rus

Roma, 24 set. (askanews) - "Esperienza molto positiva che rappresenta un ulteriore passo avanti nel percorso di gestione condivisa delle risorse ittiche in Adriatico": è il commento dell'assessore all'Ambiente Angelo Sciapichetti in merito al progetto transnazionale 'DORY', concluso a Venezia, finanziato nell'ambito del programma Italia-Croazia 2014-2020 e coordinato dalla Regione Marche in collaborazione con le regioni italiane dell'Alto Adriatico Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia, la contea di Zara, l'Istituto per le risorse biologiche e le biotecnologie del CNR, l'agenzia di sviluppo della contea di Spalato-Dalmazia e l'istituto di Oceanografia e pesca di Spalato.

Un progetto durato 21 mesi per la ricerca di misure gestionali condivise e strumenti innovativi per salvaguardare la biodiversità marina e ridurre l'impatto ecologico delle attività di acquacoltura. "Si tratta di un valido contributo nel percorso di cooperazione tra le regioni adriatiche nell'ambito delle iniziative a supporto dello sviluppo della Macro Regione Adriatico-Ionica", ha aggiunto Sciapichetti. (Segue)