Biografilm premia Alba Rohrwacher e chiude con Fanny Ardant

(Adnkronos) - Torna con la diciottesima edizione a Bologna dal 10 al 20 giugno il Biografilm Festival, proponendo racconti di formazione, riflettendo sulla cultura della violenza, riaffermando i diritti lgbtq+, approfondendo il legame tra cinema e scrittori e offrendo storie di sport come veicolo di socialità. Il Festival - che quest'anno premia con i Celebration of Lives Awards l'attrice Alba Rohrwacher, il produttore Jeremy Thomas e i registi Diana El Jeiroudi e Orwa Nyrabia, e chiude con la presenza di Fanny Ardant e il film 'I giovani amanti' di cui l'attrice francese è protagonista - sarà visibile su MYmovies dal 12 al 22 giugno da tutta Italia.

Sono 90 i film in programma nelle varie sezioni. Il Concorso Internazionale include le più recenti e interessanti produzioni di documentario, mentre la sezione competitiva Biografilm Italia propone il meglio dei documentari inediti italiani. Europa oltre i confini è la sezione competitiva che racchiude film di finzione europei, con una apertura verso il mondo intero. Contemporary Lives, come sempre, grazie al lavoro dei documentaristi europei, offre sguardi illuminanti sull'attualità. Torna anche la sezione Biografilm Art & Music, con le emozionanti storie di vita dedicate all'arte e alla musica. Inoltre, come già annunciato, Biografilm 2022 ospita tre importanti omaggi: il ricordo di Gianni Celati poeta del documentario, una Maratona Ancarani con le opere del videoartista e regista italiano e Cousins: viaggi nel grande cinema dedicata al regista nordirlandese.

Tornano, come da tradizione, anche i Celebration of Lives Awards, i premi che Biografilm Festival assegna ai grandi narratori del nostro tempo che con le loro vite e opere hanno impresso un segno importante nella storia contemporanea. Il premio verrà assegnato all’attrice Alba Rohrwacher, al produttore Jeremy Thomas e ai registi Diana El Jeiroudi e Orwa Nyrabia.

Il vasto e composito programma di Biografilm offre numerosi spunti di riflessione e diverse chiavi di lettura. Trasversalmente nelle varie sezioni, è presente una riflessione profonda e alquanto sfaccettata sulle implicazioni della violenza di sistema nelle vite delle persone e nella loro quotidianità, in un viaggio che riflette su cause ed effetti, andando anche ad affrontare il tristemente attuale tema della guerra. Dall’Ucraina alla Siria, dalla Libia a Gaza: storie personali si intrecciano con prospettive più ampie e ci mostrano gli effetti deleteri di una cultura dell’odio e della violenza, come le cicatrici di un vecchio conflitto, quello nord-irlandese, raccontato attraverso una scuola di Belfast che usa la filosofia come strumento per mettere in discussione la mitologia della guerra e della violenza, nel documentario in anteprima italiana 'Young Plato' di Neasa Ní Chianáin e Declan McGrath.

Ma le storie di vita sono anche opportunità e chiave per collegare passato e presente di una nazione in perenne conflitto, la Siria, in un raccordo di resilienza e memoria, personale e collettiva, in 'Republic of Silence' di Diana El Jeiroudi, che riceverà insieme al compagno e produttore Orwa Nyrabia, nonché direttore artistico del festival internazionale di documentari di Amsterdam, Idfa, il premio Celebration of Lives. Violenza e oppressione generano anche storie di attivismo attraverso l’arte, come in 'The Story Won’t Die' di David Henry Gerson, su un gruppo di artisti siriani e dei loro atti di ribellione contro il regime militare di Bashar al-Assad, visibile in anteprima italiana il 20 giugno in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato. In altre storie, il conflitto è lo sfondo e la spinta per cambiare le cose, come in 'Erasmus in Gaza' dove conosciamo Riccardo, il primo studente occidentale al mondo ad entrare nella Striscia per imparare le tecniche del mestiere dai chirurghi locali. Violenza, potere e riflessioni sull’indipendenza: lo sguardo del maestro Sergei Loznitsa in 'Mr. Landsbergis' svela la storia segreta della lotta lituana per l’indipendenza dall'Unione Sovietica.

Ci sono poi racconti di vite che testimoniano la necessità sociale di affermare i diritti civili; storie di diversità, resilienza, coraggio, come il viaggio intimo nella transizione di genere di 4 amici in 'Nel mio nome', che dopo il successo al festival di Berlino arriva in anteprima italiana a Biografilm, film che vede tra i produttori esecutivi l’attore e militante politico Elliot Page. Il tema della libertà di espressione delle persone Lgbtq+ torna anche con l’anteprima italiana di 'Instructions for Survival', mentre il documentario 'Il gioco di Silvia', in anteprima mondiale, ci porta nel mondo di una sex worker, tra stereotipi, pregiudizi e ricerca della propria libertà.

Biografilm 2022 dedica anche uno spazio speciale a diversi film sulla vita di alcuni grandi scrittori contemporanei con la playlist "Cinema e scrittori" Bper Banca, un’opportunità preziosa per scoprire o riscoprire, grazie all’intimità profonda e autentica che il documentario sa generare, importanti autori letterari che hanno lasciato un segno nella nostra società. Dal documentario 'Grossman' di Adi Arbel, in anteprima italiana e in collaborazione con La Repubblica delle Idee, a 'Paul Auster – What If', per passare poi al racconto basato su i diari inediti di Patricia Highsmith in 'Loving Highsmith' e 'Joyce Carol Oates: A Body in the Service of Mind', in anteprima europea.

Un altro filone tematico che emerge dal programma è legato a storie che dimostrano il valore dello sport come veicolo di redenzione sociale e strumento di integrazione e costruzione di una comunità. A Biografilm scopriremo la storia di Manuel Ernesti e del suo riscatto attraverso il pugilato in 'Barber Ring', in anteprima mondiale, ma anche ritratti di eroi quotidiani, nelle loro sfumature anche imperfette, come nella storia del campione paralimpico polacco di sci alpino in 'No Hero at All', o nella imprevedibile parabola emozionale di tre ragazze afghane, aspiranti sciatrici nell’anteprima italiana di 'Melting Dreams' di Haidy Kancler. E infine, tra le storie di vita e di sport, Biografilm ospiterà anche due ritratti di grandi atleti che hanno fatto la storia del nostro paese: Beppe Signori con 'Fuorigioco' e Ivan Capelli, nel film in anteprima mondiale, 'Natural Born Driver L’incredibile storia di Ivan Capelli'.

Come già annunciato, apre Biografilm il 10 giugno 'The Princess' di Ed Perkins, documentario dedicato a Lady Diana e costruito solamente da immagini di repertorio. Il festival si chiude il 20 giugno con la presenza della meravigliosa Fanny Ardant che presenta il film 'I giovani amanti', di cui è protagonista, e incontra il pubblico di Biografilm.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli