BioNTech, il fondatore crede che il vaccino anti-Covid dovrà essere aggiornato per la variante Omicron

·2 minuto per la lettura
covid
covid

Il fondatore di BioNTech, Ugur Sahin, ha espresso la convinzione che il vaccino sviluppato insieme a Pfizer per contrastare la diffusione del coronavirus dovrà essere aggiornato per neutralizzare la variante Omicron.

Covid, BioNTech: “Servirà un nuovo vaccino contro la variante Omicron”

Nel corso della conferenza Reuters Next, il fondatore dell’azienda farmaceutica tedesca BioNTech, Ugur Sahin, ha rilasciato alcune dichiarazioni sulla nuova mutazione del SARS-CoV-2. In questa circostanza, infatti, ha manifestato la convinzione che il vaccino sintetizzato in collaborazione con l’americana Pfizer dovrà essere aggiornato per adattarsi in modo efficace alla variante Omicron.

A questo proposito, secondo quanto riportato da Handelsblatt, Ugur Sahin ha affermato: “Credo che a un certo punto avremo bisogno di un nuovo vaccino contro questa variante – e ha aggiunto –. Ci aspettiamo che la variante Omicron sia in grado di infettare persone vaccinate”.

Covid, BioNTech: l’intervento di Ugur Sahin alla Reuters Next

In occasione del suo discorso pronunciato durante la conferenza Reuters Next, inoltre, il fondatore di BioNTech ha anche precisato quanto segue: “Vediamo che il virus al momento cambia velocemente. Il fatto che muti non è niente di nuovo. Ma accade più velocemente di quanto mi fossi aspettato, quello che sta succedendo ora lo avrei aspettato per il prossimo anno. Avremo bisogno di un nuovo vaccino di Covid-19, la domanda è quando ce ne sarà bisogno e quanto tempo Omicron ci metterà a sostituirsi alla variante Delta – e ha sottolineato –. Al momento la quarta ondata non si può interrompere con il nuovo vaccino. Per un nuovo vaccino lo sviluppo è molto complesso, si articola in molte fasi e dura circa 100 giorni“.

Covid, BioNTech sulla variante Omicron: l’intervento del CEO di Pfizer

In merito alla questione, è intervenuto anche il CEO di Pfizer, Albert Bourla, che aveva fatto specifico riferimento alla possibilità di creare un nuovo vaccino per fermare la circolazione della variante Omicron.

Sulla base delle osservazioni e delle stime di Bourla, un nuovo vaccino in tal senso potrebbe essere realizzato in circa tre mesi. Una simile possibilità era stata annunciata dal CEO di Pfizer attraverso un post pubblicato sul suo account Twitterufficiale che riportava il seguente messaggio: “Siamo pronti ad affrontare una variante come Omicron. Abbiamo stabilito un approccio per sviluppare e produrre versioni di varianti del nostro vaccino entro cento giorni, se necessario, e chiederne l’approvazione alle autorità”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli