Bitcoin e criptovalute: come battere la volatilità di mercato

·3 minuto per la lettura

La volatilità del mercato delle criptomonete e bitcoin è un problema? Non necessariamente. Josh Gilbert, analista di mercato per la piattaforma di investimento multi-asset globale eToro, ha dato a Yahoo cinque consigli per battere sul nascere questa problematica. 

Ma partiamo da zero. Che cosa si intende per volatilità del mercato? Nel caso dei bitcoin, è un termine utilizzato per descrivere le fluttuazioni nel mercato delle criptovalute, e può riferirsi a fattori come i prezzi delle monete stesse, il volume degli scambi o la quantità di investitori che partecipano al mercato.

La volatilità del mercato delle criptovalute fa spesso paura agli investitori, a maggior ragione a quelli che da poco hanno a che fare con i bitcoin, che temono infatti di poter incorrere in eventuali perdite. Ma nessun timore: ecco i cinque suggerimenti di Josh Gilber per prendere le decisioni anche nei periodi di maggior volatilità.

LEGGI ANCHE - Bitcoin: quale criptovaluta va bene per me? Le diverse opzioni

E ANCHE - Criptovalute e Bitcoin, capirci qualcosa: i termini "base"

1. Comprendi i tempi

Non è un segreto che, in alcuni periodi storici, il mercato delle criptovalute sia soggetto ad alti livelli di volatilità. Alle volte, le criptovalute possono aumentare e diminuire di quote pari al 50% in sole poche ore!

Per proteggere i tuoi investimenti, è importante ragionare sulle tempistiche e individuare i momenti migliori per acquistare e vendere.

Ad esempio, hai bisogno di accedere a capitale liquido dal tuo portafoglio con breve preavviso? Potrebbe non essere il momento migliore per investire. Ricorda che ci sono voluti tre anni perché i bitcoin (che hanno raggiunto prezzi superiori a 70.000 dollari) ritornassero ai massimi di 20.000 dollari registrati nel 2018.

2. Non andare nel panico

Quando si tratta di criptovalute, è facile diventare della FOMO (fear of missing out, o semplicemente "paura di perdere qualcosa"), in particolare con l'aumento di influencer non qualificati sui social che pubblicizzano determinati beni.

Anche gli investitori più esperti possono cadere nella trappola dell'investimento emotivo, specialmente durante i periodi di volatilità. Ma, invece di farti prendere dalla FOMO o, ancor peggio, dal panico, ricorda che è sempre meglio ragionare e fare un passo alla volta, in modo da avere ben chiaro il quadro completo dell'andamento del mercato.

VIDEO - Sai quanta energia ci vuole per produrre i Bitcoin?

3. Considera la media del costo in dollari

Piuttosto che investire somme forfettarie in criptovalute, spesso è meglio fare la media dei tuoi investimenti tramite una strategia di calcolo della media del costo in dollari. La teoria della media del costo in dollari ha come obiettivo è quello di mediare gli alti e i bassi del mercato e, per molti investitori, può essere uno strumento utile per evitare rischi e proteggersi dalle oscillazioni del mercato.

4. Stabilisci obiettivi chiari e diversificati

È essenziale che gli investitori fissino obiettivi e predefiniscano la loro strategia prima di investire, al fine di contrastare eventuali danni causati dalle oscillazioni rapidissime del mercato. Dovrebbero anche cercare di diversificare il loro portafoglio con una gamma di diversi asset crittografici tra cui stablecoin, azioni e materie prime, così da difendersi da potenziali perdite.

VIDEO - El Salvador primo Paese a riconoscere i Bitcoin come moneta

5. Adotta una strategia di investimento a lungo termine

Così come per chi decide di investire in azioni, anche per chi investe in bitcoin è intelligente adottare una strategia di investimento a lungo termine. Piuttosto che vendere immediatamente le tue risorse non appena crolla il loro valore, potrebbe essere meglio conservarle il più a lungo possibile e raccoglierne i frutti una volta che questo riprende a salire.

VIDEO - Che cos’è il Bitcoin?

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli