## Blackout in tutta l’Ucraina est, controffensiva Kiev prosegue

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 12 set. (askanews) - La Russia mira a "privare le persone di luce e calore" provocando interruzioni di corrente in tutta l'Ucraina orientale per vendicarossi della controffensiva ucraina, ha affermato il presidente Volodymyr Zelensky.

Secondo quanto riferito, i blackout hanno colpito milioni di persone nelle regioni orientali di Kharkiv e Donetsk. Il sindaco della città di Kharkiv afferma che l'eletricitò è ora ripristinata.

L'Ucraina ha dichiarato di aver riconquistato oltre 3.000 kmq (1.158 miglia quadrate) in una controffensiva orientale.

Il sindaco di Kharkiv Ihor Terekhov ha affermato che gli attacchi russi alle infrastrutture civili hanno lasciato gran parte della sua città senza elettricità e acqua sabato sera.

Più tardi in serata sono stati ascoltati quelli che sembravano altri due attacchi missilistici, ha riferito da Kharkiv la corrispondente internazionale della BBC Orla Guerin.

Terekhov e il governatore della regione hanno invitato calma, dicendo che i servizi di emergenza stavano lavorando per riparare i danni e spegnere gli incendi.

Il governatore della vicina regione di Sumy ha affermato che oltre 130 insediamenti in un solo distretto erano privi di energia.

Problemi simili sono stati segnalati nelle regioni di Dnipropetrovsk e Poltava.

In un post sui social media dopo le interruzioni di corrente, il presidente Zelensky ha accusato la Russia di aver compiuto "atti terroristici" prendendo di mira le infrastrutture civili.

"Freddo, fame, oscurità e sete non sono terribili e mortali per noi. Anche attraverso l'oscurità impenetrabile, l'Ucraina e il mondo civile vedono chiaramente questi atti terroristici. Attacchi missilistici deliberati e cinici su infrastrutture critiche civili. Nessuna struttura militare. Le regioni di Kharkiv e Donetsk sono state tagliate fuori. A Zaporizhia, Dnipropetrovsk e Sumy ci sono problemi parziali con l'alimentazione. Pensate ancora che siamo "un unico popolo"?", ha incalzato il presidente ucraino, "Pensate ancora di poterci spaventare, piegarci, farci fare concessioni? Davvero non avete capito niente? Non capite chi siamo? A che cosa aspiriamo? Di cosa stiamo parlando?".

"Leggete le mie labbra: 'Senza gas o senza di voi? Senza di voi! Senza luce o senza di voi? Senza di voi! Senza acqua o senza di voi? Senza di voi! Senza cibo o senza di voi? Senza di voi!", ha ancora incalzato Zelensky, "Freddo, fame, oscurità e sete non sono per noi così spaventosi e mortali come la vostra "amicizia e fratellanza". Ma la storia metterà tutto al suo posto. E noi saremo con gas, luce, acqua e cibo.. e SENZA di voi!" In tutto nel contesto di quella che sembra una notevole avanzata ucraina, che, se confermata, significherà che le forze ucraine hanno triplicato i loro guadagni territoriali in poco più di 48 ore.

Il presidente Zelensky ha detto che 1.000 kmq sono stati riconquistati giovedì sera. Quella cifra è salita a 2.000 kmq sabato sera, quindi a 3.000 domenica.

Ai giornalisti è stato negato l'accesso in prima linea, ma diversi video sui social media mostrano le truppe ucraine presenti nelle città e nei villaggi che fino a poco tempo fa erano detenuti dalla Russia.

Venerdì le forze ucraine sono entrate nella città chiave di Balaklyia. La Russia ha poi confermato il ritiro delle truppe, per "rafforzare gli sforzi" sul fronte di Donetsk.

Sabato, le città rifornitrici di Izyum e Kupiansk controllate dalla Russia sono state conquistate dall'Ucraina. La Russia ha confermato la ritirata delle sue forze da entrambe le città, che avrebbe permesso loro di "riorganizzarsi".

Valerii Marchenko, sindaco di Izyum, ha affermato che i residenti dovrebbero poter tornare in città in circa 10 giorni per la prima volta da quando è stata catturata dalla Russia a marzo.

Due terzi della popolazione erano fuggiti, ha detto a Newshour al BBC World Service, ma la maggior parte voleva tornare indietro nonostante la vasta distruzione e la mancanza di energia, acqua o comunicazioni.

Izyum era probabilmente il più grande hub logistico per l'esercito russo, ha detto, poiché è una porta di accesso a Sloviansk e Kramatorsk nella regione del Donbas, dove la Russia voleva avanzare.

Ma la Russia detiene ancora circa un quinto del paese e pochi immaginano una rapida fine della guerra.

In un'intervista al Financial Times, il ministro della Difesa ucraino Oleksii Reznikov ha avvertito del potenziale contrattacco russo.

"Una controffensiva libera il territorio e dopo devi controllarlo ed essere pronto a difenderlo", ha detto Reznikov.