Grave lutto per Blake Lively: è morto il padre Ernie, celebre attore

·1 minuto per la lettura
Ernie Lively e la figlia Blake (Photo by Jim Spellman/WireImage)
Ernie Lively e la figlia Blake (Photo by Jim Spellman/WireImage)

Ernie Lively, attore americano con quasi cinquant'anni anni di carriera alle spalle e una figlia famosissima, Blake Lively, è morto per complicazioni causate da un arresto cardiaco. La scomparsa del 74enne sarebbe avvenuta giovedì 3 giugno ma la notizia è stata data soltanto giorni dopo. L'Hollywood Reporter rivela che Lively è spirato circondato da sua moglie e dai suoi adorati figli.

Ernest Wilson Brown Jr era nato il 29 gennaio 1947 a Baltimora, era un ex marine e veterano del Vietnam. L'attore aveva recitato in molti film e serie tv, per lo più in parti minori: Hazzard (in diversi ruoli), Turner e il "casinaro" con Tom Hanks, Air America, Fermati, o mamma spara, Baywatch, X-Files, La signora in giallo, West Wing – Tutti gli uomini del Presidente, Zack e Cody al Grand Hotel. 

Ernie Lively aveva anche recitato accanto alla figlia Blake in 4 amiche e un paio di jeans e nel sequel, così come in Simon Says – Gioca o muori!. Nel 1979 aveva sposato la talent manager Elaine Lively e aveva assunto il cognome dalla moglie (che a sua volta lo aveva preso dal primo marito Ronald Otis "Ronnie" Lively). Insieme hanno avuto due figli e Ernie ha anche fatto da papà ai tre che Elaine aveva avuto dal precedente matrimonio. Sono diventati tutti attori: Eric, Blake, i loro fratellastri Lori, Jason e Robyn.

Di recente l'attore americano si era ritirato nello Utah per una vita più tranquilla all'aria aperta, ma da anni soffriva di problemi di cuore e nel 2013 era stato il primo a essere curato con una terapia genica sperimentale.

GUARDA ANCHE - Ecco la coppia più bella del mondo

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli