Blinken alla NATO: “giunto il momento” di lasciare l’Afghanistan

·2 minuto per la lettura
featured 1276834
featured 1276834

Milano, 14 apr. (askanews) – “Questo è un momento importante per la nostra alleanza. Quasi 20 anni fa, dopo che gli Stati Uniti furono attaccati l’11 settembre, insieme andammo in Afghanistan, per occuparci di coloro che ci attaccavano e per assicurarci che l’Afghanistan non diventasse di nuovo un paradiso per i terroristi che potrebbero attaccare chiunque di noi. E insieme, abbiamo raggiunto gli obiettivi che ci eravamo prefissati di raggiungere. E ora è il momento di riportare a casa le nostre forze”.

La decisione è presa. Il capo della diplomazia americana Antony Blinken ha annunciato agli alleati della NATO che “è giunto il momento” di preparare un ritiro coordinato delle truppe presenti in Afghanistan, in base al volere del presidente americano Joe Biden. Il tutto nonostante un rapporto classificato dell’Intelligence Usa confermasse settimane orsono che in caso di ritiro delle truppe occidentali gli integralisti riprenderebbero subito il potere.

Blinken ha notato che il mantra che ha guidato la missione Resolute Support della NATO è stato “entrare insieme, adattarsi insieme e uscire insieme”. La Germania, che attualmente ha circa 1.000 soldati in Afghanistan, ha sempre affermato che non sarebbe più in grado di mantenere una presenza lì se gli Stati Uniti dovessero andarsene.

La decisione di Biden di ritirare le truppe entro l’autunno sfida la scadenza del primo maggio – per il ritiro completo in base a un accordo di pace raggiunto l’anno scorso dall’amministrazione Trump con i talebani – ma non lascia spazio a ulteriori proroghe. Pone la fine definitiva a due decenni di guerra che hanno ucciso più di 2.200 soldati statunitensi, ne hanno feriti 20.000 e sono costati fino a 1 trilione di dollari. E mette a rischio anche molti dei guadagni realizzati in tema di democrazia, diritti delle donne e governance, assicurando al contempo che i talebani rimangano forti e controllino vaste aree del Paese.

Servizio di Cristina Giuliano

Montaggio askanews

Immagini Afp, Nato Tv