Blinken a Londra per il vertice G7, nuova offensiva di fascino

·2 minuto per la lettura
featured 1313835
featured 1313835

Londra, 4 mag. (askanews) – Necessario cercare di forgiare un’alleanza globale di paesi amanti della libertà, non per tenere a freno la Cina, ma per assicurarsi che rispetti le regole. Il segretario di Stato americano Antony Blinken arriva all’incontro dei ministri degli Esteri e dello Sviluppo del G7 a Londra, Gran Bretagna. Il vertice previsto dal 3 al 5 maggio 2021 vede riuniti (di persona, non da remoto) i rappresentanti di Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti, con l’Unione Europea presente in qualità di osservatore.

Come Paese ospitante, Londra ha invitato altri ospiti all’incontro: Australia, India, Sud Africa, Repubblica di Corea e Brunei in qualità di presidente dell’ASEAN. Il segretario Blinken partecipa alla riunione dei ministri degli Esteri e dello sviluppo del G7 per gettare le basi per il vertice dei leader del G7 che si terrà a giugno in Cornovaglia, dove il presidente Usa Joe Biden ha annunciato l’intenzione di recarsi nel suo primo viaggio all’estero.

Blinken ha detto che gli Stati Uniti non hanno “nessun alleato più stretto” e “nessun partner più stretto” del Regno Unito. Il segretario incontra le sue controparti britanniche in quella che è già stata definita “offensiva di fascino reciproco”. E anche con i colleghi del G7 per discutere aree di reciproco interesse come COVID-19, ripresa e crescita economica, crisi climatica, diritti umani, sicurezza alimentare, uguaglianza di genere e altro ancora. Un’opportunità per dimostrare “la leadership del G7” basata su obiettivi e valori condivisi, un impegno a “ricostruire meglio” su salute e clima, ripresa economica e sfide alla sicurezza internazionale, fa sapere il Dipartimento di Stato. Nel pomeriggio i colloqui si sposteranno sulla Russia, anche su come rispondere alle manovre al confine con l’Ucraina e il dossier Navalny.

Servizio di Cristina Giuliano

Montaggio di Gualtiero Benatelli

Immagini Afp e archivio