Italia in ginocchio a Euro2020, CasaPound contro il murale

·1 minuto per la lettura

Blitz di Blocco studentesco, l'organizzazione giovanile di CasaPound, contro il murale di Harry Greb che invita la Nazionale italiana di calcio a inginocchiarsi contro il razzismo. Dal murale in via dei Neofiti, a Roma, sparisce l'omino del Subbuteo in ginocchio, con il pugno chiuso e la scritta 'Do the right thing' ('Fai la cosa giusta) sulla maglia azzurra per far posto all'immagine di un giocatore in piedi, con il braccio teso, e la scritta 'Resta in piedi Italia'.

''La nostra è una provocazione per dire che l'invito a inginocchiarsi, fatto anche da tanti politici del Pd, non c'entra nulla con il razzismo ma è solo una richiesta di sottomissione al nostro popolo - dice all'Adnkronos Luca Marsella, consigliere del X Municipio di Casapound - Il calcio deve stare fuori da queste logiche. Alla vigilia della partita Italia-Belgio di stasera, i ragazzi di Blocco studentesco hanno deciso di coprire il murale, protagonista di tanti interventi e interviste di politici, con un manifesto degli anni '30 per dire che i nostri giocatori non si devono inginocchiare ma devono restare in piedi e speriamo anche sia di buon auspicio, visto che gli anni '30 furono un periodo glorioso per l'Italia ai mondiali di calcio''.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli