Blitz della polizia a Rio: uccisa una bimba

Agatha Sales Félix

Una bambina di 8 anni è stata uccisa da un proiettile vagante durante un'operazione di polizia in una favela di Rio de Janeiro. Agatha Sales Félix, questo il nome della vittima, è stata colpita a morte nella favela di Alemao, una delle baraccopoli più grandi della città brasiliana, in cui abitava.

Secondo la versione ufficiale fornita dalla polizia, alcuni agenti sarebbero stati attaccati da un gruppo di criminali da varie direzioni e avrebbero risposto al fuoco. Un proiettile vagante avrebbe raggiunto la bambina, che si trovava con il nonno in un furgone.

Gli abitanti della zona non concordano con questa ricostruzione. "Non ci sono stati scontri quando Agata è stata colpita", ha detto un'abitante della baraccopoli, Renata Trajana. Centinaia di persone, al grido di "Giustizia! Giustizia!", hanno marciato per esprimere la loro rabbia e protestare contro i ripetuti raid della polizia nella favela. Alcuni mostravano cartelli con la scritta "Smettetela di ucciderci" in lettere rosse.

Amnesty international ha sottolineato l’impatto negativo della mano brutale voluta dal governatore Wilson Wtizel contro i delinquenti.

La polizia ha confermato la morte della piccola e ha affermato che è stata aperta un'inchiesta sull'accaduto. Agatha Sales Félix è la quinta minorenne morta a Rio in un'azione del genere dall'inizio dell'anno.

LEGGI ANCHE: Brasile, otto persone uccise da polizia in una favela di Rio