Blitz delle squadre Swat contro l’uomo che invocava la liberazione di una membra di Al Quaeda

·2 minuto per la lettura
Le forze di intervento pronte al blitz
Le forze di intervento pronte al blitz

Negli Usa è stato ucciso il sequestratore della sinagoga di Colleyville e sono stati tratti in salvo gli ultimi tre ostaggi che da 10 ore vivevano sotto la minaccia delle bombe che l’uomo diceva di avere con sé dopo aver fatto irruzione nel tempio della congregazione di Beth Israel in Texas. Ad annunciarlo è stato un tweet del governatore dello stato Greg Abbott: “Tutti gli ostaggi sono vivi e al sicuro”. Ma già prima i giornalisti asserragliati oltre la zona di sicurezza avevano sentito alcune esplosioni.

Team Swat in azione dopo 10 ore terribili: ucciso il sequestratore della sinagoga

Era il blitz delle due squadre Swat contro l’uomo che invocava la liberazione di una membra di Al Quaeda. Sequestratore che sarebbe stato raggiunto da almeno tre “single shot” alla testa dopo una operazione di trattativa con oltre 200 membri delle forze dell’ordine schierati. A metà di quelle trattative, come confermato dalla portavoce Dara Nelson, uno dei quattro ostaggi era stato liberato per motivi non chiari.

Ostaggi liberi dopo che è stato ucciso il sequestratore della sinagoga: fra loro il rabbino Cytron Walker

Dentro era rimasto anche il rabbino Charlie Cytron Walker. Ma cosa chiedeva il sequestratore che aveva fatto irruzione in diretta durante la funzione dello shabat? Con un forte accento britannico aveva chiesto il rilascio di Aaifa Siddiqui, la neuroscienziata pakistana conosciuta come “Lady Al Qaeda” e condannata a 86 anni di carcere per terrorismo. Ma il legale della donna aveva subito smentito ogni legame fra il sequestratore e la sua assistita. Dal canto suo il sequestratore si è detto fratello della donna. Il che aveva fatto pensare che si trattasse di Muhammad Siddiqui ma anche lì era arrivata una smentita. Il blitz è scattato alle 21:30 ora locale. Il sequestratore è stato identificato ma autorità di polizia, dietro input degli operativi Fbi sul campo, hanno spiegato che “non siamo ancora pronti a condividere informazioni“.

Il messaggio di Joe Biden sul sequestratore della sinagoga ucciso: “Ci opporremo ad anisemitismo e terrorismo”

Dal canto suo il presidente Joe Biden ha ringraziato le forze dell’ordine assicurando agli americani e a chi vuole diffondere odio che gli Stati Uniti si opporranno “all’antisemitismo e all’estremismo”. E sul fatto che l’uomo avesse delle bombe non paiono esserci dubbi: solo un’ora fa nella zona si è creato un altro allarme per delle ulteriori esplosioni ma il dipartimento di Polizia di Colleyville aveva preavvertito: “I Bomb Tech dell’FBI stanno facendo esplodere alcuni ordigni sulla scena della Congregazione Beth Israel. Potrebbero esserci dei rumori forti nei prossimi minuti. Non c’è bisogno di preoccuparsi”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli