Blitz Gdf in Regione Lombardia: acquisizione documenti su... -2-

Fcz

Milano, 31 ott. (askanews) - L'operazione della Gdf, sempre da quanto è filtrato, rappresenterebbe il preludio di una richiesta di proroga indagini che i magistrati milanesi si appresterebbero a presentare all'ufficio gip. Secondo l'accusa ipotizzata dai pm Luigi Furno, Adriano Scudieri e Silvia Bonardi, titolari del fascicolo d indagine coordinato dal procuratore aggiunto Alessandra Dolci, la nomina di Marsico all'interno della Nucleo di valutazione degli investimenti pubblici (un incarico pubblico restribuito 180 euro a seduta e 11.500 all'anno) presenterebbe due profili di irregolarità: il mancato rispetto del "principio di imparzialità" obbligatorio in tutti i casi di nomine di natura non fiduciaria, e il presunto "conflitto di interessi" di Marsico che avrebbe avuto l'obbligo di astenersi dal particolare all'avviso pubblico lanciato dall'istituzione governata dal suo ex socio di studio (Fontana cedette le quote detenuto nello studio legale alla figlia un paio di mesi dopo essere stato eletto governatore).