Bloccate le prenotazioni per il vaccino dei 60enni: Figliulo: "Priorità alle categorie con patologie"

·2 minuto per la lettura
Nuovo comunicato di Figliuolo che blocca le vaccinazioni under 60
Nuovo comunicato di Figliuolo che blocca le vaccinazioni under 60

Un nuovo comunicato del commissario all’Emergenza Figliuolo ha decretato ufficialmente lo stop delle vaccinazioni per gli under 60. Il motivo? Purtroppo, dai dati della Struttura Commissariale è evidente che le categorie fragili ed appartenenti alle classi di età più esposte e vulnerabili qualora infettate dal virus SARS-CoV-2, poste in priorità dall’ordinanza n. 6 del 9 aprile, non risultano ancora essere tutte vaccinacinate.

LEGGI ANCHE>> Covid, Figliuolo ha annunciato l’arrivo di 2,8 milioni di vaccini.

Nuovo comunicato di Figliuolo, stop vaccinazioni under 60

Dai dati in possesso della Struttura Commissariale è emerso che le categorie poste in priorità dall’ordinanza n. 6 del 9 aprile, non risultano ancora coperte da vaccino in proporzione tale da garantire, ad oggi, la loro messa in sicurezza“.

Questo è ciò che ha scritto il commissario. Prosegue, inoltre, dicendo che:

“La Struttura Commissariale ha raccomandato alle Regioni e alle Province autonome di attenersi puntualmente al dettato dell’ordinanza n. 6, fino ad assicurare la copertura delle categorie in essa indicate, senza estendere – fino a nuove disposizioni – le prenotazioni a soggetti di età inferiore a 60 anni”.

Per chi non lo sapesse, l’ordinanza numero 6 è quella che parlava proprio delle priorità del piano vaccinale: infatti, la vaccinazione è necessario che proceda velocemente dagli over 80, per non dimenticare i fragili ed eventuali familiari conviventi e caregiver; a seguire i soggetti della fascia tra i 70 e i 79 anni. Solo dopo si arriva ai 60 e i 69 anni, utilizzando prima in via preferenziale i vaccini di AstraZeneca. Insomma, appare evidente che troppi tra coloro che appartagono a queste categorie e sono più vulnerabili al Covid-19, sono ancora in attesa della propria dose di vaccinazione. É, questo nuovo comunicato, un appello che Figliuolo lancia, affinchè più velocemente, invece, si proteggano queste persone, e poi si possa finalmente tornare alla normalità.