Bloccato l'uomo che si era barricato in casa con bombole di gas

Luci accecanti e 'botti' hanno distratto Giuseppe di Bonito, bloccato dai carabiniere che si sono calati in casa dal quarto piano dello stabile in cui abita di Pozzuoli, nel Napoletano. È finita alle 4 del mattino, con l'incursione delle forze speciali dell'Arma una vicenda che nella frazione di Monteruscello ha tenuto 36 famiglie fuori casa un giorno e una notte. Il 25 enne con problemi psichici si era barricato in casa all'alba di martedì con l'anziana mamma, minacciando di far esplodere la palazzina con bombole di gas. Chiedeva un lavoro e una nuova casa e nonostante i tentativi di mediazione delle forze dell'ordine, la situazione si stava facendo via via più pesante. Fino alle 4 di oggi quando è scattato il blitz.

Già nel corso della giornata ieri i militari dell'Arma avevano provato a entrare nell'appartamento, ma al loro arrivo il 25enne aveva brandito un coltello, non esitando a sferrare un fendente, per fortuna non profondo, contro uno dei carabinieri che lo avevano avvicinato. L'uomo aveva anche disegnato una croce all'ingresso della sua abitazione. Ora, per molte famiglie, l'incubo è finito.