• small_110211-115053_mi011010pol_0036

    I giudici leggono la sentenza che condanna Silvio Berlusconi a 7 anni per prostituzione minorile e concussione (guarda il video della lettura della sentenza) ed Emilio Fede scoppia a piangere. Lo ha confessato lui stesso a Repubblica, anche se in televisione - il giornalista era ospite nella diretta di La7 - non si è visto.

    Ha pianto per l'amico Silvio: "Quando ho ascoltato la sentenza in diretta tv mi sono venute le lacrime agli occhi. Una sentenza pesante. I giudici mi sono sembrati sereni, non i pm che hanno fatto delle richieste assurde". Ma Fede, a differenza dei falchi del Pdl e dello stesso Cavaliere, non se la sente di parlare di sentenza politica: "Non lo dico e non lo voglio nemmeno pensare. Quando ci fu Tangentopoli come direttore del Tg4 ho mandato in onda tutto. Ora provo una tristezza tremenda. Sette anni? Ma si rende conto?".

    (Continua dopo il video)

    Video - La lettura delle santenza di primo grado sul Ruby-gate, un momento che resterà nella storia

    La disperazione di Emilio

    Continua »di Berlusconi condannato per il processo Ruby. Ed Emilio Fede piange
  • Nicole Minetti vale 100 euro al minuto

    La locandina dell'evento

    Cento euro al minuto. Tanto vale, Nicole Minetti. Per un'ospitata, non cominciamo a malignare. Un'ospitata che dimostra, una volta di più, come la Minetti sia, prima di tutto, ottima manager di se stessa.

    Ripercorriamo le tappe della carriera della fanciulla: già consigliere regionale del Pdl, dopo una breve parentesi da igienista dentale (nientemeno che di Berlusconi), Nicole guadagna, all'epoca del Pirellone, 8500 euro al mese in virtù del suo impegno politico. «Ma potrei vivere con la metà», dice nell'intervista imbarazzante (per il giornalismo) rilasciata ad Alessio Vinci a Domenica Live.

    E' estate, tornano i bikini. Clicca per vedere altre foto di bikini famosiE' estate, tornano i bikini. Clicca per vedere altre foto di bikini famosiPer gradire, Nicole è anche fra gli imputati del processo Ruby, che proprio oggi dovrebbe giungere a sentenza per quanto riguarda Silvio Berlusconi. E sarebbe anche una delle anime dei bunga bunga di Arcore (festini a luci rosse con tanto di giro di prostituzione o innocue cene fra gente bene, a seconda delle versioni di accusa e difesa)

    Guarda anche: Nicole Minetti al processo Ruby: amavo Silvio

    Continua »di Nicole Minetti vale 100 euro al minuto
  • Giuliano Ibrahim DelnevoOra ho prospettive che prima non avevo”: suonano quasi come un presagio le parole di Giuliano Delnevo, pronunciate dopo essersi convertito alla religione islamica e aver preso il nome di Ibrahim. Il giovane genovese è stato ucciso in Siria in uno scontro tra il gruppo di ribelli a cui si era unito, che si oppongono al regime di Bashar Al Assad, e le forze governative, secondo quanto hanno rivelato una fonte dell'intelligence internazionale e una della polizia.

    Leggi: Siria, le immagini della tragedia

    Aveva 23 anni. Era cresciuto tra i carrugi del centro storico di Genova e l’elegante quartiere di Castelletto.
    Quattro anni fa ad Ancona la conversione all’islam. Aveva imparato l’arabo, si era fatto crescere la barba e aveva cominciato a vestirsi con una lunga tunica bianca, i sandali e il tradizionale copricapo kizilbas a forma di cono. L’imam di Genova, Salah Hussein, ricorda di averlo visto a qualche incontro e di esserne rimasto colpito “perché era vestito come un sufi". Ma non

    Continua »di Giuliano Delnevo, il ragazzo italiano che combatteva per l'Islam
  • lettera lavoratore cinese ok

    Una scatola di decorazioni acquistata da Julie Keith, in un grande magazzino KMart dell'Oregon, conteneva una sorpresa che nessuno si sarebbe aspettato: una lettera da parte dell'uomo cinese che quelle decorazioni aveva fabbricato che denunciava le terribili condizioni dei lavoratori (sarebbe meglio dire schiavi).

    L'uomo, identificato dal New York Times ma chiamato Mr. Zhang per proteggerne l'anominato, al quotidiano statunitense ha raccontato di un campo di lavoro dove "io e i miei compagni lavoriamo 7 giorni a settimana per 15 ore al giorno, controllati da guardie sadiche".

    Leggi anche: Scoperta una nuova parte dell'occhio umano

    Zhang ha aggiunto di aver scritto 20 di queste lettere nel corso degli ultimi due anni, e in effetti la scatola che la conteneva era stata acquistata oltre un anno fa, ma Julie Keith aveva deciso di aprirla solo l'ottobre scorso, per le decorazioni in vista del compleanno di sua figlia.

    La lettera proviene probabilmente dal campo di lavoro Masanjiam, nello

    Continua »di Drammatica lettera trovata in una scatola di decorazioni
  • I magheggi con l'Ici della ministra Josefa Idem

    Josefa Idem (Foto LaPresse)Josefa Idem (Foto LaPresse)

    Chissà perché da lei non ce lo si aspettava. Forse perché è un’atleta. Forse perché è tedesca. Eppure il comportamento della ministra delle Pari Opportunità Josefa Idem sembra contraddire gli stereotipi.

    Da quanto rivelano i documenti del Comune di Ravenna, pubblicati da Il Fatto Quotidiano, l’ex campionessa per quattro anni non avrebbe pagato l’Ici sulla seconda casa. Ma non solo: quella che al catasto era censita come la sua abitazione principale – a pochi metri di distanza dalla casa scelta come residenza del marito e dei figli – è di fatto una palestra per il fitness.
    Ricostruiamo la storia. La canoista tedesca, naturalizzata italiana, fino al 4 febbraio 2013 ha dichiarato di risiedere a Ravenna, nella frazione di Santerno, in un’abitazione in via Carraia Bezzi. Caso vuole che la sua famiglia abiti invece in una casa in via Argine Destro Lamone. Una doppia residenza che suona strana. Un escamotage per usufruire per entrambi gli immobili dell’esenzione dal pagamento dell’Ici prevista

    Continua »di I magheggi con l'Ici della ministra Josefa Idem
  • Vladimir Putin e l'anello rubato

    L'anello 'rubato'Vladimir Putin ha rubato un anello tempestato da 124 diamanti del valore di 25mila dollari? L'accusa viene dagli USA ed è di quelle imbarazzanti, anche se all'origine del caso potrebbe semplicemente esserci un fraintendimento.

    L'anello in questione apparteneva al magnate americano Robert Kraft, proprietario dei New England Patriots, squadra di football vincitrice di un Super Bowl che l'anello commemorava. Nel 2005 Kraft si trovava in visita da Putin a San Pietroburgo, quando gli mostrò orgogliosamente l'anello.

    Il magnate Robert KraftPutin guardò incuriosito, se lo mise al dito, disse "con questo anello posso uccidere qualcuno", e poi lo infilò in tasca. Un gesto voluto? Oppure Putin pensava che fosse un regalo?

    Sulla questione ci sono due versioni diverse. Il magnate americano ha raccontato la vicenda al New York Post: "Gli ho mostrato l'anello che lui si è messo al dito. Quando ho allungato le mani per riaverlo indietro, lui con disinvoltura se l'è infilato in tasca, e subito dopo tre uomini del Kgb lo hanno

    Continua »di Vladimir Putin e l'anello rubato
  • La Regina Elisabetta al volante della sua Jaguar

    La regina Elisabetta, 87 anni, alla guida della sua Jaguar

    Non la ferma nessuno: la Regina Elisabetta, 87 anni compiuti lo scorso aprile, stupisce ancora. Dopo aver assistito ad una partita di polo, la Regina si è messa al volante della sua Jaguar - rigorosamente inglese, e quindi con guida a destra - ed è ritornata a casa, mentre il suo autista/guardia del corpo le sedeva a fianco. (Continua dopo la foto)

    Elisabetta a bordo della sua Jaguar


    Leggi anche: Scoperta una nuova parte dell'occhio umano

    Nonostante i suoi seri problemi di salute - una malattia gastrointestinale che secondo i tabloid inglesi non le lascerebbe ancora molto da vivere, più i consueti acciacchi di una persona anziana - che l' hanno costrettaa ridurre drasticamente l'agenda dei suoi impegni, la sovrana d'Inghilterra si concede ancora qualche piccolo divertimento, come quello di guidare la sua auto di lusso. Lo scorso 4 giugno ha festeggiato a Westmister i suoi 60 anni di regno.



    Sapevi che il principe William ha origini differenti da quelle che si pensavano? Scopri quali sono con le videonews di Yahoo! Italia!

    Continua »di La Regina Elisabetta al volante della sua Jaguar
  • Scoperta una nuova parte dell'occhio umano


    Una nuova parte del corpo è stata scoperta. Nascosta nelle profondità dell'occhio. Uno strato che si trova nella parte posteriore della cornea, spesso appena 0,001 millimetri, ma molto resistente.

    Leggi anche: la differenza tra uomini e donne in una foto


    Lo scopritore dello E adesso "bisognerà riscrivere i libri di testo di oculistica", dicono i ricercatori autori della scoperta, a Nottigham.Tra le applicazioni della scoperta, alcune sono davvero importanti: potrebbero migliorare i benefici dei trapianti e innesti di cornea e potrebbero anche essere ridotti i rischi di contrarre alcune malattie, come la distrofia corneale.

    Leggi anche: Impiegato va al lavoro in gonna per protesta

    Ma com'è stata fatta questa scoperta? Gli scienziati hanno iniettato delle bolle d'aria in una cornea, per separare tutti gli strati che la compongono, usando poi un microscopio elettronico per scansionare i diversi, e sottilissimi, livelli. Così facendo, i ricercatori si sono accorti che c'è uno strato aggiuntivo rispetto a quelli Continua »di Scoperta una nuova parte dell'occhio umano
  • Mamma e figlio insieme dopo 22 anniMamma e figlio insieme dopo 22 anni

    Clark Allridge, di Houston, in Texas, ha sempre saputo di essere stato adottato. Nonostante questo, quando uno sconosciuto l'ha raggiunto suggerendogli di dare un'occhiata alla pagina Facebook di Cherie Alvis, la sua sorpresa è stata enorme.

    Lui non l'aveva mai vista né conosciuta, ma sulla bacheca della donna c'era una foto di lui da bambino. A 22 anni, senza averla nemmeno mai cercata, aveva finalmente scoperto che sua la madre naturale viveva solo un paio d'ore d'auto distante da lui.

    Cherie Alvis ha raccontato la sua storia a un tv locale, KTRE-TV. Il bambino l'aveva dato in adozione quando aveva solo pochi mesi. Lei era una 17enne, una madre adolescente senza una fissa dimora. In più, il bambino era malato,e dopo aver trascorso parecchi giorni in ospedale con lui, Cherie aveva capito che non avrebbe mai potuto dargli le cure di cui aveva bisogno.

    "È stata la decisione più dura della mia vita", ha detto Cherie alla tv, "non avrei voluto farlo ma allo stesso tempo sapevo che l'unico

    Continua »di Mamma e figlio si ritrovano dopo 22 anni grazie a Facebook
  • Shermain Miles in una foto segnaletica

    Dal 1978 entra ed esce dal carcere: Shermain Miles, 51 anni, ha collezionato in 35 anni ben 396 arresti. La donna, una senza fissa dimora di Chicago, è comparsa lunedì scorso in un tribunale della Contea di Cook, nell’Illinois, con l’accusa di aver aggredito un consigliere comunale della città. Si è dichiarata colpevole di violazione di domicilio e di aver bevuto alcolici in pubblico, comportamento illegale in quasi tutte le giurisdizioni degli Stati Uniti, in diverse occasioni.

    Guarda anche: Storie di dipendenza, foto dall'inferno degli 'addicted'

    Shermain Miles in un'altra foto segnaletica

    La sentenza emessa dal giudice Peggy Chiampas ha stabilito che la Miles trascorra un certo tempo dietro le sbarre, dopo che la donna ha accettato di sottoporsi a una valutazione della sua salute mentale e di seguire una terapia più approfondita. Il giudice, infatti, le ha ordinato di curare il suo benessere emotivo e psicologico e di disintossicarsi dall’abuso di sostanze stupefacenti.
    Poi, deponendo i panni di giudice e indossando quelli di

    Continua »di Shermain Miles, la donna che è stata arrestata 396 volte

Impaginazione

(1.025 articoli)