• Il forzista con un passato nel porno

    Un passato da porno attore confermato dallo stesso politico: «Mi piaceva e mi divertivo».

    Ettore Basiglio RibaudoEttore Basiglio Ribaudo

    Non ne fa mistero, Ettore Guido Basiglio Ribaudo, della sua esperienza di porno attore. A svelare il passato hot di un forzista doc, 49 anni e candidato sindaco per il centrodestra a Cormons e Gradisca, è Il Piccolo di Trieste, giornale locale dell'Alto Isonzo: «Basiglio Ribaudo di mestiere fa il consulente aziendale per una società di brokeraggio, conduce una vita regolare, ha una compagna da tempo. Mai nessun pettegolezzo prima d’ora sulla sua vita privata. Anzi, a Cormons preferisce occuparsi di illuminazione a led piuttosto che di luci rosse se guardiamo i suoi interventi politici», fa sapere il quotidiano. Eppure in passato, per sua stessa ammissione, ha prestato il suo fisico atletico all'industria del porno: «Il partito non era d’accordo che tirassi fuori questa storia. Qui in Italia per motivi religiosi o pseudo-morali molti fanno gli ipocriti, amano dio e fregano il prossimo. Il porno? Non mi pento, sì certo li ho fatti. Perchè? Mi piaceva, era un divertimento, un piacere,

    Continua a leggere »from Il forzista con un passato nel porno
  • L'alta quota, si sa, accentua gli effetti dell'alcool, così basta un bicchiere di vino, una birra o un wiskey di troppo ed ecco che si diventa eccessivamente stravaganti, euforici se non proprio indisciplinati.

    E' proprio a causa dell'ubriachezza molesta di un passeggero che il volo 2232 dell'American Airlines  da San Jose, in California,  a Dallas ha dovuto fare una deviazione sulla tabella di marcia, effettuando un atterraggio d'emergenza a Phoenix per far scendere l'uomo ubriaco.

    Il passeggero, infatti, eccessivamente fastidioso, stava recando disturbo agli altri passeggeri, alzandosi in continuazione prima del decollo e chiedendo da bere non appena salito a bordo. Così è stato avvicinato dagli assistenti di volo che gli hanno chiesto di calmarsi. Ma l'uomo, invece di calmarsi ha iniziato ad inveire contro di loro, facendo il gesto della pistola con le sue dita e puntando la sua "arma" contro  hostess e steward.

    La situazione è degenerata così i piloti hanno deciso di atterrare

    Continua a leggere »from Passeggero ubriaco a bordo, l'aereo è costretto ad atterraggio d'emergenza
  • Justin TrudeauJustin Trudeau

    Bello e impossibile, cantava Gianna Nannini. In Canada, invece, è bello e liberale Justin Trudeau, il Primo Ministro neo eletto lo scorso 19 ottobre.

    Quarantatre anni, "figlio d'arte" - suo padre, Pierre Trudeau, è stato anch'egli premier in Canada tra il 1968 e il 1979 - Justin sta spopolando in Rete non solo per il suo piano di governo molto aperto e progressista, ma anche per quel suo fascino particolare, un po'bambino, un po' macho.

    Su Twitter è tutto uno spam di foto del giovane Trudeau in tenuta da boxeur, con commenti simpatici, del tipo "Lui è il nuovo Primo Ministro canadese. Trasferiamoci in Canada", e altri un pochino più piccanti.


    Attraente, atletico, sprintoso, Justin vince anche nella Rete come premier più sexy del mondo. E' il secondo primo ministro più giovane della storia canadese e tra i Paesi del G7, subito dopo l'italiano Matteo Renzi. Definito già da molti il degno erede della "Trudeaumania", termine coniato dai canadesi già quando c'era Trudeau senior, bell'uomo

    Continua a leggere »from Justin Trudeau: appena eletto è già il primo ministro più sexy al mondo
  • Osama Al-Ghadab e il figlio ZahidOsama Al-Ghadab e il figlio Zahid

    Osama Al-Ghadab e il piccolo Zied ce l'hanno fatta, sono riusciti ad arrivare in Germania. A dispetto dello sgambetto della reporter Petra Laszlo, che pochi giorni fa li ha fatti cadere volontariamente facendoli passare agli onori della cronaca. La giornalista, videoreporter per l'emittente ungherese N1TV, durante gli scontri tra profughi in fuga e polizia ha fatto lo sgambetto all'uomo mentre stava scappando con il figlio in braccio. Non paga, ha poi ripreso da vicino il suo sgomento e la sua disperazione. Da allora, attorno a Osama si è creata una rete di solidarietà internazionale che ha portato padre e figlio siriani oltrepassare le frontiere e a trovare rifugio in Germania.

    Per Osama Al-Ghadab, ex allenatore di calcio della Al Fotuwa SC, sono stati 12 lunghi giorni, quelli che l'hanno portato a fuggire dalla Siria all'Europa. Dodici giorni di paura, fatica e disperazione, ma che non sono nulla rispetto alle torture che ha dovuto subire nelle prigioni siriane. La foto della

    Continua a leggere »from Presi a calci dalla giornalista, Osama e Zied ce l'hanno fatta: sono arrivati in Germania
  • 11 settembre, un arcobaleno su New York

    Nel 14esimo anniversario dell'attacco alle Torri Gemelle, la città si sveglia sotto il segno di una rinascita

    Dopo 14 anni dall'attentato alle Torri Gemelle, New York è stata salutata al risveglio in questo 11 settembre da un arcobaleno.

    La foto, diffusa in rete, è stata interpretata da molti come un simbolo di speranza e rinascita.

    Le Torri Gemelle prima dell'attacco Le Torri Gemelle prima dell'attacco

     

    L'arcobaleno sembra spuntato proprio lì dove c'erano le Twin Towers, nel cuore del World Trade Center, dove oggi sorge il National September 11 Memorial & Museum.


    New York 9/11 (Photo by Marta Bianchi)New York 9/11 (Photo by Marta Bianchi)

    Di giorno, nel luogo chiamato per anni Ground Zero, oggi sorgono due fontane sui cui bordi sono scolpiti i nomi di tutte le vittime dell'attacco.

    Di notte, ogni 11 settembre, si possono ammirare le luci di due fari che si perdono nel cielo.


    In questo video, invece, è possibile ammirare la vista mozzafiato del One World Trade Center, noto anche come Freedom Tower, il nuovo palazzo costruito sempre nel sito che fu oggetto dell'attacco. Simboli di una speranza di una città che, per natura, non dimentica il passato ma guarda sempre al futuro.

    Continua a leggere »from 11 settembre, un arcobaleno su New York
  • Emilio FedeEmilio Fede

    “Tu quoque” starà pensando SIlvio Berlusconi, definitivamente abbandonato anche da Emilio Fede. Lo ha annunciato l'ex direttore del Tg4 in un'intervista a Il Fatto Quotidiano, in cui ha presentato l'ultimo libro “Se tornassi ad Arcore”: «Sì, sono diventato renziano a mia insaputa. Voterei per Renzi sicuramente», confessa Fede. Dopo oltre vent'anni di affinità elettiva, quindi, è tutto finito. I rapporti tra i due, a dirla tutta, si erano incrinati già dall'uscita di scena come direttore dagli studi di Mediaset e dall'accusa di estorsione perpetrata ai danni dei vertici Mediaset, su cui Fede dice: «Ma che bisogno avevo io di rubare i soldi a Berlusconi? Dovevo lasciare la direzione del Tg4 nel luglio 2011, mi avevano offerto 6 milioni di euro netti».

    BerlusconiBerlusconi

    L'ultimo contatto tra Fede e Berlusconi risale a due mesi fa: «Una chiacchierata fra vecchi amici che non si sentivano da tempo. Alla fine della telefonata mi ha detto: 'Adesso non sparire, telefonami'. Gli ho risposto: 'No, ho già pagato

    Continua a leggere »from Anche Emilio Fede abbandona Berlusconi: "Sono renziano"
  • Mentre a Roma infuriano inchieste e scandali, con la Capitale umiliata dal funerale-show di Vittorio Casamonica e dalle indagini per Mafia Capitale, di Ignazio Marino non si ha alcuna traccia da alcuni giorni. 

    A quanto riferisce Francesco Merlo su Repubblica, il primo cittadino di Roma sarebbe in ferie ai Caraibi, dove starebbe scrivendo addirittura un libro di memorie private. Una vacanza, questa, di cui Marino ha tutto il diritto — sia chiaro — ma che in molti hanno considerato non proprio opportuna viste le condizioni in cui versa la Capitale e quel “fallimento dello Stato” tanto evidente, di cui ha parlato anche il prefetto di Roma Franco Gabrielli.

    Marino, d’altra parte, ha già abituato i suoi cittadini ad assenze importanti. Come — ricorda lo stesso Merlo — nel novembre del 2014, quando, scoppiata una rivolta popolare a Tor Sapienza, il sindaco non solo non è intervenuto, ma si è anzi allontanato dal paese volando a Londra per altri impegni. Episodio simile a quello in cui

    Continua a leggere »from Scandali a Roma, Marino resta ai Caraibi per scrivere le sue memorie. Renzi prepara il commissariamento
  • Dove vanno in vacanza i politici italiani?

     

    L'Italia è da sempre tra le mete preferite dei politici italiani, che scelgono il paese bello anche per le loro vacanze estive di quest'anno. Come Maria Elena Boschi, che ritroviamo sulle spiagge della Versilia e i cui bikini impazzano sulle copertine delle riviste gossippare: costumi da bagno colorati, le amiche di sempre, e qualche inevitabile chilo di troppo come conseguenza dell'intenso lavoro (sedentario) come ministro del governo Renzi. E a proposito di Presidente del Consiglio: è stato avvistato a Rignano sull'Arno, dove ha salutato amici e parenti in totale relax. La prossima meta? Secondo indiscrezioni da Palazzo Chigi sarà New York, dove potrà girare indisturbato mischiandosi tra turisti e newyorchesi.

    Vacanze in Sardegna per Silvio Berlusconi, come da previsioni, preoccupato soprattutto per la vendita di Villa Certosa in Costa Smeralda, in carenza di acquirenti, e la campagna acquisti del Milan.

    Scelta modaiola anche per Beppe Grillo, che per le sue vacanze ha scelto la

    Continua a leggere »from Dove vanno in vacanza i politici italiani?
  • Un tramonto... da brividi

    Chi, specialmente d’estate, non apprezza la bellezza di una passeggiata su un sentiero di montagna di fronte a uno splendido tramonto?



    A Rio de Janeiro c’è anche chi, come i protagonisti di queste immagini da brivido, alla solidità di un viottolo tra le rocce preferisce il bilico di una sottilissima fune sospesa tra due picchi.



    Un tramonto da cardiopalma, è proprio il caso di dirlo, quello che si apre di fronte a questi coraggiosi funamboli, sotto i cui piedi si spalancano solamente centinaia di metri di vuoto, fiumi e valli. Rigorosamente al calar del Sole.

    VIDEO - Bendato su una corda, sospesa fra i grattacieli. Wallenda da vertigini




     

    Continua a leggere »from Un tramonto... da brividi
  • Altro che gatti, i nemici giurati dei cani sono i leoni marini! Lo ritrae a perfezione questa bellissima foto, nella quale è raffigurato il litigio tra due specie che certamente non sono solite incontrarsi, almeno dalle nostre parti.

    Tutto accade a Taltal, sulle coste cilene, per del pesce che un ristoratore locale regala al cane e che  il leone di mare è intenzionato a rubargli. I due si guardano per un po’ — è il caso di dirlo — in cagnesco, finché il leone marino non mostra i denti, spaventando a morte il contendente.


    Al termine della lotta il mammifero acquatico se ne va da vincitore, anche se l’amico a quattro zampe riesce a conservare un pezzo del suo pasto.

    VIDEO - Cane contro leone marino, la sfida sulla spiaggia

     

    Continua a leggere »from Cane contro leone marino: la sfida è sul pontile

Impaginazione

(1.025 articoli)