• Basta con gli insulti e con la nomea della più antipatica: per Laura Boldrini urge una remise en place della propria immagine. Stanca delle continue critiche e polemiche, soprattutto da parte dei pentastellati, la Presidente della Camera ha deciso di lavorare su di sé. Per farlo è corsa ai ripari radunando al Castello di Titignano i suoi fedelissimi e degli speciali personal coach: Gad Lerner, Elena Montecchi e Massimo Recalcati - il giornalista, la politica e lo psicanalista - che in un fine settimana hanno analizzato tutto quello che non funziona della Boldrini politica. Perché è evidente che dal suo insediamento come presidente a oggi qualcosa sia andato storto.

    Solo un anno fa era la donna simbolo di Montecitorio, osannata da colleghi e amata dagli italiani, ora è la più contestata e criticata, non fosse che per il suo perenne broncio. Eppure Laura Boldrini ha la tempra delle donne d'altri tempi, di quelle a cui gli attacchi mediatici fanno un baffo. Cosa è successo in questo

    Continua a leggere »from Laura Boldrini in ritiro con Gad Lerner, Elena Montecchi e Massimo Recalcati
  • Un solo rapporto sessuale con Silvio Berlusconi, ma non a pagamento e ben prima delle cene ad Arcore, a cui ha partecipato solo come ospite. Con queste dichiarazioni ai giudici del Tribunale di Salerno Sara Tommasi torna a dare scandalo. L'udienza che ha accolto le confessioni scottanti della showgirl è quella che la vede vittima di presunte violenze sessuali subite durante le riprese del film porno "Confessioni private" e che si è svolta a porte chiuse, con la sola presenza di avvocati e imputati. La Tommasi ha ripercorso con la memoria i giorni delle riprese del film, girato in un agriturismo di Buccino, in provincia di Salerno, ma i suoi racconti sono apparsi molto confusi e il suo stato psicologico ancora molto instabile.

    Tornando ai rapporti con Berlusconi, la Tommasi ha dichiarato di aver presenziato alle cene ad Arcore circa una decina di volte e di non aver mai fatto sesso in quelle occasioni. È il legale della donna, Saverio Campana, a dare più dettagli in merito: "Sara ha

    Continua a leggere »from Sara Tommasi: "Ho avuto rapporti con Silvio Berlusconi"
  • Ha solo 26 anni, ma la determinazione di una donna navigata. È Anna Ascani, la deputata più giovane del Parlamento, eletta alle politiche del 2013 nella circoscrizione dell'Umbria, membro della Commissione Cultura, Scienza e Istruzione e fedelissima di Enrico Letta. Il suo sogno è quello di fare l'insegnante nei licei, nonostante lo stipendio: quando la deputata insegnava percepiva 500 euro al mese, contro i quasi 10 mila che attualmente prende come parlamentare. "Non solo vanno abbassati gli stipendi dei parlamentari, ma alzati quelli degli insegnanti", ha dichiarato in un'intervista a Repubblica. Intanto, quelli che guadagna come deputata li distribuisce tra varie associazioni onlus e il Partito Democratico.

    Anna AscaniAnna Ascani
    Di Matteo Renzi dice: "È più bravo di Letta, almeno dal punto di vista dei rapporti con l'elettorato". Eppure di passare dalla parte dei renziani non ci pensa minimamente e lo fa sapere con estrema classe (e non senza un sottotesto al vetriolo): "Non credo che la coerenza sia un

    Continua a leggere »from Anna Ascani, la deputata più giovane del Parlamento
  • I fucilieri di Marina Massimiliano Latorre (destra) e Salvatore Girone (sinistra)I fucilieri di Marina Massimiliano Latorre (destra) e Salvatore Girone (sinistra)Salvatore Girone si sta comportando da studente modello. È quanto afferma uno dei docenti dell'Istituto tecnico-professionale Marconi di Bari al termine della prima prova di maturità che il marò ha sostenuto via Skype dall'India: "Girone è molto preciso e scrupoloso, e anche durante le lezioni si è impegnato moltissimo. In India sono oltre tre ore avanti rispetto a noi, e Girone era ansioso di conoscere le tracce e cominciare la prova".

    Trattenuto dalle autorità indiane insieme al commilitone Salvatore Latorre da oramai due anni con l'accusa di aver ucciso due pescatori del posto, Girone ha avuto la possibilità di seguire le lezioni serali dell'anno scolastico appena terminato tramite videoconferenze. Ora, come per tutti i maturandi, è l'ora della resa dei conti: la prima prova del militare, a detta dei professiori della scuola superiore barese, è andata "molto bene", senza nessun problema di connessione. Non si sa molto altro della prova sostenuta dal commilitone, perché i professori

    Continua a leggere »from Maturità 2014, la prova del marò Salvatore Girone
  • Agnese Renzi, i primi 100 giorni da first lady

    È la presenza discreta che accompagna le uscite ufficiali del premier Matteo Renzi, soprattutto quando si tratta di eventi mondani. Agnese Renzi è la donna dell'anno, non per qualche merito specifico, ma per il solo fatto di essere diventata la nuova first lady d'Italia. Nessuna ambizione di essere come Michelle Obama (come ha ostentato Cristina Parodi), nessun desiderio di apparire sulle copertine di riviste gossipare (magari con in braccio un barboncino, come è solita fare Francesca Pascale) e nessuna voglia di rilasciare interviste: la signora Renzi, alla notizia dell'incarico del marito, aveva persino snobbato Roma ("Per ora rimango a Firenze con i ragazzi") e rinnegato l'appellativo di "first lady" ("Non mi corrisponde"). Eppure Agnese Renzi, al secolo Landini, ha tagliato il traguardo dei primi 100 giorni da première dame con una serie di foto che la ritraggono in bikini: al mare, con i bambini e senza il marito. Una paparazzata in piena regola, dove a far parlare era la sua

    Continua a leggere »from Agnese Renzi, i primi 100 giorni da first lady
  • Locandina della Festa Democratica dell'Unità di Roma 2014Locandina della Festa Democratica dell'Unità di Roma 2014Parte fra pochi giorni la Festa Democratica dell'Unità di Roma edizione 2014, che ha come tema la sitcom cult Happy Days, con tanto di hashtag omonimo #happydays. Potrebbe sembrare un meme virale, una parodia del look sfoggiato lo scorso anno da Matteo Renzi sia sulla copertina di Chi che durante l'ospitata ad Amici di Maria De Filippi. E invece si tratta della locandina ufficiale del Partito Democratico, che per promuovere l'evento si è avvalso delle vesti del protagonista della celebre sitcom americana degli anni '70-'80, Fonzie. L'immagine parla chiaro: t-shirt bianca e giubotto di pelle nera, i pezzi irrinunciabili dello stile Fonzarelli, e pollice alzato sono in primo piano sul manifesto. Un omaggio al segretario di partito nonché premier del Paese o all'attore Henry Winkler? Poco importa, tanto la rete ha già ribattezzato il PD come il "Partito di Fonzie".

    Il programma della festa, che è stata anticipata per cavalcare l'onda dei Mondiali del Brasile, ha un calendario ricco di

    Continua a leggere »from Il PD come Happy Days, il partito con il giubbotto da Fonzie
  • La notizia ha stupito quasi tutti, nonostante bastasse in fondo ben poco per verificarlo: ci è voluta un'inchiesta di Report condotta da Bernando Iovene per portare all'attenzione dell'opinione pubblica il fatto che Silvio Berlusconi sia ancora Cavaliere del Lavoro della Repubblica Italiana, nonostante l'interdizione dai pubblici uffici per due anni comminata dalla Procura della Repubblica di Milano nella sentenza di Agosto 2013 (quella che ha portato alla pena accessoria da scontare a Cesano Boscone nella casa di assistenza anziani La Sacra Famiglia).

    Sgomento? Indignazione? C'è poco da stupirsi: al momento della sentenza Silvio Berlusconi aveva annunciato in pompa magna la sua autosospensione dalla federazione dei Cavalieri del Lavoro, interpretato da tutti come un gesto molto nobile che avrebbe fatto automaticamente cadere il titolo di Cavaliere; ma come spiegato dal giurista Gianluigi Pellegrino, intervistato nel Marzo scorso da Il Giornale,

    Il mantenimento di quel titolo non

    Continua a leggere »from Nessuno lo sa ma Berlusconi è ancora Cavaliere
  • Sara Biagiotti è il neo eletto sindaco di Sesto Fiorentino. Nulla di strano, non fosse per il giuramento sui generis del primo cittadino del PD fatto su un tablet. Anzi, su un iPad, ad essere precisi. È accaduto durante la cerimonia di insediamento della sindaca, che come da prassi, con la fascia tricolore, ha prestato fedeltà alla Costituzione scaricata sul suo tablet anziché sul classico tomo cartaceo: "Giuro sull’iPad, qui dentro la Costituzione c’è di sicuro". Scaricata in modalità e-book, casomai a qualcuno venisse il dubbio. Come è successo agli astanti, che pensavano ad uno scherzo e si sono lasciati scappare qualche sorriso di troppo e parecchie espressioni basite. Ma la neo eletta a sindaco non ha dubbi e commenta il giorno dopo: "Non ci vedo nulla di strano. Io ho la Costituzione scaricata come e-book nel mio Ipad, un modo per dematerializzare leggi e atti dell’amministrazione. E invito tutti a scaricarla e leggerla, è pure gratuita". 

    Sara Biagiotti giura sull'iPadSara Biagiotti giura sull'iPad

    Un modo di amministrare in versione 2.0

    Continua a leggere »from Sindaco giura sull'iPad: "Qui dentro c'è la Costituzione"
  • AP Photo/Daniel Ochoa de OlzaAP Photo/Daniel Ochoa de OlzaAlbert Solà, cameriere in un bar di La Bisbal d’Empordà, in provincia di Gerona, potrebbe essere l'erede della corona di Spagna. La notizia arriva, quasi in sordina, direttamente dal quotidiano El Pais, che riporta la notizia di una doppia richiesta del test di paternità fatta nel 2012: una inoltrata dalla belga Ingrid Sartiau, 48 anni, e l'altra da Albert Solà, 58 anni. Ma sui sovrani spagnoli vige la legge dell'inviolabilità, che ha permesso al tribunale di rigettare l'istanza dei due presunti eredi e far sì che la questione venisse messa a tacere. Solà non demorde e richiede per la seconda volta il test del Dna a Juan Carlos e, in caso di rifiuto, che venga effettuato sulle le spoglie del padre del re Don Juan de Borbón, sepolto a El Escorial.

    Ancora una volta le richieste del cameriere vengono respinte, nonostante la somiglianza tra Solà e il nonno di Juan Carlos, Alfonso XIII, sia impressionante. Anche il racconto dell'uomo sembra essere verosimile: nato a Barcellona, viene subito

    Continua a leggere »from Juan Carlos, spunta figlio illegittimo: la corona tocca a lui?
  • Alla Camera dei Deputati si lavora sulle pari opportunità a 360 gradi. Tra i privilegi sessisti del Parlamento c'era anche quello dei professionisti del capello, presenti da anni solo in qualità di barbieri, quindi ad uso esclusivo degli uomini. Ma l'aumento delle quote rosa tra i deputati (circa il 30%) ha inevitabilmente aperto le porte a esigenze prettamente femminili, quali il parrucchiere. E se fino a ieri i sette barbieri della Camera erano costretti a fare qualche eccezione e ad aprire le porte dei loro saloni alle donne scapigliate, ora, grazie a Laura Boldrini, le deputate potranno farsi piega e shampoo in tutta serenità tra una consulta e l'altra, un'acconciatura prima di uscire dall'ufficio o un colore anti ricrescita in pausa pranzo.

    In altre parole, al servizio di barbiere interno alla Camera verrà affiancato quello di parrucchiere per signora: lo stabilisce una recente delibera del Collegio dei Questori. La Boldrini, finalmente, non dovrà più sentirsi ripetere domande

    Continua a leggere »from Alla Camera apre il parrucchiere per donna grazie a Laura Boldrini

Impaginazione

(1.025 articoli)