• Rita Moriconi

     Un vibratore giustificato come spesa “per pranzo o cene di lavoro e hotel con amministratori locali su politiche regionali”. È quanto emerge dall'inchiesta della Procura di Bologna sulle spese dei consiglieri regionali dell'Emilia-Romagna, che ha portato alla notifica di 42 avvisi di fine indagine. Il rimborso in questione sarebbe stato emesso per ben due volte per un totale di 167 euro a favore della consigliera Rita Moriconi: la prima per 83,50 euro, a cui è stato allegato la ricevuta del pagamento bancomat senza il documento fiscale; la seconda volta, sempre per la medesima cifra, è stato allegato solo il documento fiscale.

    A rivendicare l'acquisto del vibratore, tuttavia, è Rosario Genovese, candidato alle precedenti elezioni regionali ma non eletto, che si è presentato spontaneamente in procura per dare testimonianza della spesa sui generis. Lo ha confermato il procuratore aggiunto e portavoce della Procura, Valter Giovannini: «Effettivamente questa mattina si è presentato un

    Continua »di Chiede rimborso per vibratore, consigliera regionale del Pd lo giustifica come “cena galante”
  • Chiede rimborso per vibratore, consigliera regionale del Pd lo giustifica come «cene galanti”

    Rita MoriconiRita Moriconi

     

    Un vibratore giustificato come spesa “per pranzo o cene di lavoro e hotel con amministratori locali su politiche regionali”. È quanto emerge dall'inchiesta della Procura di Bologna sulle spese dei consiglieri regionali dell'Emilia-Romagna, che ha portato alla notifica di 42 avvisi di fine indagine. Il rimborso in questione sarebbe stato emesso per ben due volte per un totale di 167 euro a favore della consigliera Rita Moriconi: la prima per 83,50 euro, a cui è stato allegato la ricevuta del pagamento bancomat senza il documento fiscale; la seconda volta, sempre per la medesima cifra, è stato allegato solo il documento fiscale.

    A rivendicare l'acquisto del vibratore, tuttavia, è Rosario Genovese, candidato alle precedenti elezioni regionali ma non eletto, che si è presentato spontaneamente in procura per dare testimonianza della spesa sui generis. Lo ha confermato il procuratore aggiunto e portavoce della Procura, Valter Giovannini: «Effettivamente questa mattina si è presentato un

    Continua »di Chiede rimborso per vibratore, consigliera regionale del Pd lo giustifica come «cene galanti”
  • Le Iene, i servizi della puntata del 12 novembreLe Iene, i servizi della puntata del 12 novembreMercoledì 12 novembre torna Le Iene Show, con una nuova puntata che è stata presentata in diretta alle 21:10 su Italia 1 da Ilary Blasi e Teo Mammucari.

    Tra i servizi della serata va segnalato in primo luogo quello a cura di Mauro Casciari, con il quale Le Iene tornano ad occuparsi del caso di Emma, una bambina che tre anni fa era stata rapita dal padre siriano. L'uomo aveva condotto con sé in Siria la bambina, di soli 21 mesi, sottraendola alla madre, Alice, che da allora non ne ha più traccia. A un anno da quando Le Iene per la prima volta si sono recate sul confine tra Turchia e Siria per incontrare il padre, il quale a parole si era detto disponibile ad un incontro con la ex compagna ma nei fatti si è sempre negato, niente è cambiato, e Alice continua a non avere notizie della bambina. Le Iene si mettono quindi in contatto con l'uomo per una seconda volta, inviando in Medio Oriente un mediatore che lo convinca a riportare la bambina in Italia. Dopo l’incontro con l’intermediario,

    Continua »di Le Iene, le inchieste della puntata di mercoledì 12 novembre
  • Le Iene, 12 novembre: Ignazio Marino e le multe per divieto di sostaLe Iene, 12 novembre: Ignazio Marino e le multe per divieto di sostaIgnazio Marino non rispetta il codice della strada e non ama pagare le multe. Durante la puntata di mercoledì 12 novembre 2014 de “Le Iene Show”, al centro della trasmissione presentata da Ilary Blasi e Teo Mammucari, i "vizietti automobilistico" del Sindaco di Roma.

    L'inchiesta della Iena Dino Giarrusso ha raccontato le otto multe non pagate, colleionate dal Sindaco di Roma Ignazio Marino. Ma non solo: nel pieno di questo piccolo scandalo, Le Iene hanno anche scoperto che la macchina del sindaco è parcheggiata in divieto di sosta
     
    La vicenda ha avuto inizio qualche settimana fa quando Giarrusso aveva raccontato della panda rossa di Marino posteggiata gratuitamente nel parcheggio custodito del Senato senza che il sindaco fosse più un senatore. Le Iene hanno quindi scoperto una cosa molto strana, ovvero che la macchina del Sindaco è stata per molto tempo posteggiata in zona ZTL, a traffico limitato, nonostante il permesso della sua auto fosse scaduto già il 23 giugno 2014, e sia
    Continua »di Le Iene, 12 novembre: Ignazio Marino e le multe per divieto di sosta
  • Ilaria Cucchi inviata per Rai 3

    La sorella di Stefano Cucchi lavorerà per la trasmissione "Questioni di famiglia"

    Dopo aver passato gli ultimi anni della sua vita in televisione per rivendicare la verità sulla morte del fratello Stefano, Ilaria Cucchi entrerà a far parte del sistema mediatico come parte attiva. Infatti a partire da venerdì 21 novembre collaborerà con la trasmissione "Questioni di famiglia", in onda su Rai 3 alle ore 21.05, in qualità di inviata.

    Leggi anche: La denuncia di Ilaria Cucchi a "Che tempo che fa"

    La notizia è stata suffragata anche dalla pubblicazione della biografia di Ilaria Cucchi sul sito del programma. Qui possiamo leggere: "Ilaria è una cattolica praticante e madre di due figli; lo scoutismo e le attività parrocchiali sono sempre stati i suoi impegni extra familiari. Una donna volitiva, in poco meno di un anno, Ilaria scrive a quattro mani col giornalista Giovanni Bianconi "Vorrei dirti che non eri solo". Ilaria è molto diretta, senza sbavature, sensibile ai temi e alle condizioni di quegli "ultimi" di cui lei stessa si sente parte".

    In questo testo però colpisce

    Continua »di Ilaria Cucchi inviata per Rai 3
  • Le Iene, anticipazioni del 12 novembreLe Iene, anticipazioni del 12 novembreCome ogni settimana Le Iene Show torna in onda anche mercoledì 12 novembre, come di consueto condotto in diretta su Italia 1 alle 21:10 da Ilary Blasi e Teo Mammucari.

    Tra i servizi che comporranno la prossima puntata dobbiamo segnalare quello di Mauro Casciari, con il quale Le Iene tornano ad occuparsi del caso di Emma, una bambina che tre anni fa, a soli 21 mesi, fu rapita dal padre. L'uomo avrebbe sottratto Emma alla madre Alice per portarla con sé in Siria. A un anno da quando le Iene per la prima volta si sono recate sul confine tra Turchia e Siria per incontrare il padre, che a parole si era detto disponibile ad un incontro con la ex compagna ma nei fatti si è sempre negato, niente è cambiato, e la madre continua a non avere notizie della bambina. Le Iene si mettono quindi sulle sue tracce per una seconda volta, inviando in Medio Oriente un mediatore che convinca l'uomo a riportare la bambina in Italia. Dopo l’incontro con l’intermediario, che si svolge in Turchia al confine con

    Continua »di Le Iene, anticipazioni del 12 novembre: la bambina rapita in Siria e le guerrigliere di Kobane
  • MIlena Gabanelli, è polemica con PradaMIlena Gabanelli, è polemica con PradaDopo le polemiche con la Moncler sul servizio dedicato da Report alla piuma d'oca, che hanno infiammato sulle pagine dei giornali per tutta la scorsa settimana, Milena Gabanelli arriva ai ferri corti con un altro grande marchio della moda Made in Italy, Prada.

    L'inchiesta della trasmissione, che rivelava l'uso, da parte di Moncler, di piuma d'oca proveniente da allevamenti nei quali gli animali venivano letteralmente seviziati, è stata infatti definita dal CEO di Prada, Patrizio Bertelli, parte di una “cultura del passato oramai sorpassata da 20 o 30 anni”, adottando la quale “la Gabanelli si è dimostrata stupida”.

    “È naturale che in un mondo globalizzato un'impresa cerchi risorse produttive con costi più contenuti”, ha aggiunto poi Bertelli durante un'intervista al Fashion Summit di Milano, “per esempio in Ucraina o in Slovenia, e non si può impedirlo in un mercato liberale. Questo non vuol dire che noi dobbiamo fare i carabinieri sui produttori ai quali ci affidiamo. Lo stesso

    Continua »di Gabanelli, è polemica col CEO di Prada: "orgogliosa di essere stupida perché pago le tasse"
  • Flavio Tosi: «Sono il candidato ideale per il nuovo centrodestra»

    Flavio TosiFlavio Tosi

    Flavio Tosi come Silvio Berlusconi. Il sindaco leghista di Verona si è autoproclamato candidato ideale per la guida del centrodestra. Lo ha dichiarato senza mezzi termini in un'intervista rilasciata al settimanale Oggi, in edicola da domani: «La mia ambizione è dare seguito all’accordo con Salvini e Maroni. Salvini segretario e io candidato alla costruzione di una leadership nel centrodestra». E a chi lo accusa di essere anti-Salvini risponde: «È un ragazzo spontaneo e sincero. Sincero vuol dire credibile. E la credibilità in politica è tutto». Ma anche una visione lungimirante e una tenace possono fare la differenza, secondo Tosi: «Più che altro mi preoccupa che Matteo non veda il centrodestra come un fronte unico e privilegi una parte sull’altra. Così si lascia il centro a Renzi. E il centro è determinante per vincere».

    Non solo campagne populiste contro l'Europa, dunque. Per il sindaco leghisa la questione è molto più complessa di quanto voglia far credere Salvini con i suoi

    Continua »di Flavio Tosi: «Sono il candidato ideale per il nuovo centrodestra»
  • Milena Gabanelli a "Oggi": "L'avidita non è un reato"

    La conduttrice di Report parla delle aziende del lusso made in Italy e della localizzazione dei loro stabilimenti

    "L'avidità non è un reato ma sono mortificanti certe produzioni all'estero": Milena Gabanelli non vuole far scivolare via la polemica intorno al marchio Moncler, nata dopo la messa in onda del servizio dedicato alla casa di moda durante la puntata di "Report" dello scorso 2 novembre, trasmessa da Rai 3. Così torna a parlarne sul settimanale "Oggi".

    Milena Gabanelli tira di nuovo in ballo le società del lusso e delle loro produzioni dislocate all'estero, per tentare di sfuggire alla crisi e alla pesante mannaia del Fisco italiano. Nella rubrica "Domande e risposte" del settimanale "Oggi", in edicola da mercoledì 12 novembre, Milena Gabanelli spiega il suo punto di vista sulla questione.

    Leggi anche: L'inchiesta di "Report" su Moncler

    "Premesso che il lusso è l’unico settore che ha i maggiori ricarichi, proprio perché il suo valore si fonda sulla suggestione del marketing, vale veramente la pena di delocalizzare là dove la mano d’opera costa meno? A mio parere no, perché la ricaduta è

    Continua »di Milena Gabanelli a "Oggi": "L'avidita non è un reato"
  • Salvini aggredito, la polizia non era stata avvisata degli spostamenti

    L'auto di Matteo SalviniL'auto di Matteo Salvini

    L'aggressione a Matteo Salvini e il suo staff, forse, poteva essere evitata. È quanto afferma la polizia all'indomani della denuncia fatta dal leader leghista sulla mancata scorta durante la visita ufficiale ai campi Rom di Bologna. Gli accordi, come riporta il Corriere della Sera, erano semplici e precisi: «Il 6 novembre i funzionari dell’ufficio scorte di Milano confermano ai colleghi di Bologna la scelta di Salvini di visitare il campo nomadi la mattina dell’8 novembre. La Digos prende accordi con la consigliera leghista Lucia Bergonzoni - incaricata di organizzare la trasferta - per avere comunicazione di tutti gli spostamenti. In particolare si stabilisce che prima di arrivare al casello autostradale avviseranno il capo della polizia di prevenzione per attivare la «staffetta» di auto, in modo che la vettura del segretario abbia la scorta fino a destinazione». Invece Salvini&Co. hanno preferito andare per la loro strada senza comunicare spostamento alcuno. Quando il capo della

    Continua »di Salvini aggredito, la polizia non era stata avvisata degli spostamenti

Impaginazione

(1.025 articoli)